Notizie
HomeVicentinoVicenza"Atto di squadrismo fascista" alla Cgil di Roma: a Vicenza domani le...

“Atto di squadrismo fascista” alla Cgil di Roma: a Vicenza domani le sedi sono aperte

Durante la manifestazione dei No Vax sabato 9 ottobre a Roma un gruppo di manifestanti ha  assaltato la sede della Cgil devastando l’ingresso e alcune stanze al piano terra. Domani domenica 10 ottobre la Cgil di Vicenza apre sue le sedi per solidarietà

carabinieri presidiano la Cgil di Roma
I carabinieri intervenuti a presidiare la sede della Cgil di Roma (foto di Marco Merlini per Collettiva.it)

“L’assalto alla sede della Cgil nazionale è un atto di squadrismo fascista – ha dichiarato a Collettiva.it il segretario nazionale della Cgil Maurizio Landini -.Un attacco alla democrazia e a tutto il mondo del lavoro che intendiamo respingere”. Ed ha sottolineato Landini: “Nessuno pensi di far tornare il nostro Paese al ventennio fascista”.
“Domattina alle 10, davanti la sede della Cgil, – aggiunge il leader del sindacato di Corso d’Italia – è convocata d’urgenza l’assemblea generale della Confederazione per decidere tutte le iniziative necessarie”.

Fiore e Castellino individuati da Fanpage
I fotogrammi sono stati ingranditi da Fanpage che ha riconosciuto due esponenti dell’estrema destra appartamenti a Forza Nuova, Roberto Fiore e Sergio Castellino.

Intanto a Vicenza il segretario generale Giampaolo Zanni comunica che domanni saranno aperte le sedi principali della provincia berica in segno di opposizone alla violenza e di solidarietà con il segretario nazionale Landini.

“La devastazione di oggi alla sede della Cgil nazionale non è solo un inaccettabile atto di violenza, ma soprattutto l’attacco di forze antidemocratiche e fasciste ad un’organizzazione sindacale antifascista che da sempre ha a cuore la democrazia e la partecipazione democratica”. Dichiara in una nota diffusa in serata Giampaolo Zanni.

“Da tempo denunciamo il diffondersi nel Paese di messaggi xenofobi e di odio veicolati ad arte da forze di ispirazione fascista – continua Zanni -, e quanto successo oggi rende manifesto questo tentativo di colpire le organizzazioni che si oppongono a queste spinte. Ogni persona e tutte le forze politiche e sociali antifasciste e democratiche devono unirsi per respingere l’attacco in atto ed affermare i valori della democrazia e del pluralismo”.

E conclude con l’annuncio per domani: “Per  respingere la violenza subita oggi e per testimoniare i nostri valori e per solidarietà al segretario generale della Cgil Maurizio Landini, abbiamo deciso di aprire domani la nostra sede provinciale in via Vaccari a Vicenza e le principali sedi in provincia”.

Le più lette