giovedì, 19 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaDivieto di assemblea in conceria a Zermeghedo: per Filctem, Femca, Uiltec è...

    Divieto di assemblea in conceria a Zermeghedo: per Filctem, Femca, Uiltec è comportamento antisindacale

    Banner edizioni

    presidio alla Tre Emme di Zermeghedo
    Presidio di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil alla Tre Emme di Zermeghedo (Vicenza)

    La conceria Tre Emme di Zermeghedo firma un contratto “pirata” e sfratta Cgil Cisl Uil: oggi presidio per dire No a quel contratto siglato da un sindacato mai presente nel settore prima della firma

    Presidio dei sindacati della concia di Cgil, Cisl e Uil, ovvero Filctem, Femca e Uiltec della provincia di Vicenza, questa mattina davanti alla prima azienda che di fatto adotta il nuovo contratto firmato tra associazioni datoriali e un sindacato che mai si era occupato del settore. Una situazione che porta allo “sfratto di rappresentanza” di Filctem, Femca e Uiltec nonostante ci sia la presenza di iscritti nelle aziende. Una situazione molto probabilmente illegale, che rischia di aprire una vera e propria “battaglia” tra le parti.
    “Abbiamo i primi effetti nefasti del contratto pirata – afferma Giuliano Ezzelini Storti, segretario generale della Filctem Cgil della provincia di Vicenza -: alla Tre Emme di Zermeghedo (Vicenza) ci è stato impedito di convocare le assemblee con i lavoratori perché Filctem, Femca e Uiltec non sono firmatarie di questo nuovo contratto (siglato a parte con una realtà sindacale che mai si era occupata di concia, ndr)! Per questo ci siamo mobilitati e abbiamo iniziato con questo presidio”.
    E’ solo una prima reazione di carattere politico: al presidio davanti all’azienda i rappresentanti dei lavoratori hanno ribadito il loro “No al contratto pirata”. E le tre sigle stanno valutando con i loro uffici legali eventuali azioni per la violazione da parte dell’azienda dell’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori, ovvero per “comportamento antisindacale”.
    “Abbiamo messo in atto azioni politiche e di dialogo con Regione e realtà associative imprenditoriali del territorio – prosegue Ezzelini Storti – e sarebbe bene che anche le amministrazioni locali intervenissero a favore del lavoro, quello buono e che fa stare bene i lavoratori. Questo contratto – sottolinea Ezzelini Storti -peggiora le condizioni di lavoratrici e lavoratori”.
    “Il contratto pirata, inoltre – spiega il segretario Filctem – arriva in un momento storico in cui si cercava con il distretto della pelle di fare un accordo che cogliesse le opportunità del PNRR e potesse riconvertire ecologicamente le aziende e la filiera, insomma tutto il distretto della concia”.
    I sindacati Filctem, Femca e Uiltec si propongono di rilanciare il CCNL Concia Industria da loro firmato; di affermare la libertà sindacale nel distretto della concia; e di istituire una contrattazione aziendale, territoriale, nazionale che tenga conto dei salari e dei diritti dei lavoratori. E infine come sottolineato dal segretario generale Filctem Cgil di Vicenza, di lavorare per lo sviluppo e il rilancio del distretto che possa cogliere le opportunità del PNRR verso una maggiore tutela dell’ambiente e dello stesso territorio.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni