Notizie
HomeAppuntamentiIl Teatro sociale di Rovigo pronto a rialzare il sipario con La...

Il Teatro sociale di Rovigo pronto a rialzare il sipario con La Traviata

Riparte il Teatro sociale di Rovigo: in arrivo lirica, opera giovani, prosa, danza, concertistica, teatro ragazzi, jazz

Programmazione nuova stagione Teatro sociale di Rovigo
Programmazione nuova stagione Teatro sociale di Rovigo

Il Teatro sociale riparte in assoluta sicurezza, offrendo un cartellone ricco e vario, per quello che riguarda la stagione 2021-2022 relativa a lirica, opera giovani, prosa, danza, concertistica, teatro ragazzi, jazz. Ad inaugurare l’attesa stagione sarà venerdì 12 novembre alle 20.30, “La Traviata” di Giuseppe Verdi.

Gaffeo: “Crediamo molto nella valenza assoluta della proposta culturale di Rovigo, di cui il Teatro Sociale è il cardine”

“Come amministrazione crediamo molto nella valenza assoluta della proposta culturale della nostra città, di cui il Teatro Sociale è il cardine – ha sottolineato il sindaco Edoardo Gaffeo -. Ringrazio chi ha reso possibile tutto questo, senza perdersi d’animo, anzi mettendoci energia ed entusiasmo, e tutti gli spettatori che finalmente, condivideranno dal vivo momenti di gioia e di grandi emozioni”.

Gli ha fatto eco il vice e assessore alla Cultura, Roberto Tovo: “Stiamo procedendo come da promessa. Dopo la stagione estiva, finalmente riapriamo il nostro teatro, un risultato che è frutto della volontà di realizzare la stagione ma anche di mantenere la qualità e la tradizione, che qualificano la nostra città. Ringrazio il direttore, artistico, il settore cultura, i partner e gli sponsor che hanno permesso tutto questo”.

Quindi il direttore artistico Luigi Puxeddu ha illustrato il cartellone. “La grande tradizione di questo teatro, che metterà in scena le ever green Traviata e Don Pasquale, si sposa con quello che negli anni è stato uno dei fiori all’occhiello del Sociale: la creazione di nuove opere, segno di una visione di ampio respiro che consegna anche al futuro composizioni liriche del nostro presente. Pinocchio, storia di un burattino del maestro Tarabella, e Flatlandia, produzione in collaborazione con il conservatorio statale di musica “Francesco Venezze”, lavori entrambi in Prima Assoluta, sono sicuramente uno dei punti chiave di questa programmazione che sviluppa un pensiero importante anche rivolto ai giovani musicisti, protagonisti, assieme ai maestri, delle emozioni del palcoscenico”.

Intervenuto anche il direttore di Arteven, Pier Luca Donin. “Riaprire il Sociale è una grande emozione che ci dà forza ed energia. Rovigo per noi è sempre un importante teatro. Abbiamo scelto spettacoli di prosa e danza, per noi, di serie A nel panorama nazionale, pensando ai grandi interpreti, tra cui spiccano i nomi del firmamento nazionale: Umberto Orsini e Franco Branciaroli, Marco Paolini, Amanda Sandrelli, Ettore Bassi e Mariangela D’Abbraccio. Ale e Franz”.

Quest’anno non saranno disponibili gli abbonamenti, ma la biglietteria singola, con molte opzioni di sconto.

Marco Scarazzatti

Le più lette