Notizie
HomeVicentinoVicenzaNessun "Tre bicchieri" ai vini di Vicenza e provincia nella guida del...

Nessun “Tre bicchieri” ai vini di Vicenza e provincia nella guida del Gambero rosso 2022

Al Veneto 44 “tre bicchieri”: grande spazio a vini di Verona e Treviso

Non ci soni vini vicentini tra le 476 etichette che hanno meritato i “Tre bicchieri” nella Guida del Gambero Rosso. Sono 44 i vini che hanno ottenuto la massima valutazione, tra questi moltissimi i veronesi, con l’amarone con 13 cantine menzionate, da Quintarelli a Bertani, da Masi ad Allegrini. Sempre Verona in gran spolvero anche con i bianchi, dal Capitel Santa croce di Anselmi alla Cavalchina, ma in questo caso sono molti i prosecchi di grande levatura segnalati. Nella classifca veneta, spuntano anche etichette di cantine padovane (Filò delle vigne) e veneziane (Barollo).

I curatori: “Cresce il livello medio, ci siamo lasciati affascinare da territori meno noti”

Solo Vicenza non appare tra le etichette premiate: eppure i valori enologici del Vicentino sono di tutto rispetto: da Maculan a Zonta (in passato assai considerato) da Masari di Valdagno a Bellaguardia di Montecchio Maggiore (che produce un durello metodo classico di altissimo livello), da Dal Maso a Cecchin in quel di Montebello. Un tempo ha meritato i tre bicchieri anche Angiolino Maule, profeta dei “vini naturali” come li chiama, ma nemmeno di lui c’è traccia nella classifica finale.

“I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti”

Dopo 47mila assaggi, alle finali sono giunti 1982 vini. “Ci siamo lasciati affascinare da territori meno noti e ancora poco conosciuti a livello internazionale – spiegano i curatori della guida – Cresce il livello medio, basta contare il numero dei vini che hanno raggiunto le nostre finali, mentre la distribuzione dei premi diventa sempre più orizzontale. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, soprattutto sul piano della consapevolezza: la cura del dettaglio, l’interpretazione dell’annata, una nuova attenzione per l’aspetto comunicativo. Il rinnovato ottimismo è alimentato anche dalle tante cantine che hanno presentato i vini per la prima volta, in un ricambio che fa bene a tutto il sistema, oltre a una serie di millesimi veramente brillanti da custodire gelosamente in cantina”.

Ecco di seguito i 44 vini veneti che hanno ottenuto i tre bicchieri.

  • Amarone della Valpolicella 2017 – Monte Zovo – Famiglia Cottini
  • Amarone della Valpolicella Cl. 2013 – Quintarelli
  • Amarone della Valpolicella Cl. 2012 – Bertani
  • Amarone della Valpolicella Cl. 2016 – Brigaldara
  • Amarone della Valpolicella Cl. 2017 – Allegrini
  • Amarone della Valpolicella Classico Campolongo di Torbe 2013 – Masi
  • Amarone della Valpolicella Cl. De Buris Ris. 2010 – Tommasi Viticoltori
  • Amarone della Valpolicella Cl. Monte Ca’ Bianca Ris. 2016 – Begali
  • Amarone della Valpolicella Cl. Vign. di Ravazzol 2016 – Ca’ La Bionda
  • Amarone della Valpolicella Cl. Villa Rizzardi Ris. 2015 – Guerrieri Rizzardi
  • Amarone della Valpolicella Famiglia Pasqua Ris. 2013 – Pasqua
  • Amarone della Valpolicella Maternigo Ris. 2016 – Tedeschi
  • Amarone della Valpolicella Monte Danieli Ris. 2013 – Corte Rugolin
  • Bardolino Cl. 2020 – Tende
  • Campo Sella 2017 – Sutto
  • Capitel Croce 2020 – Anselmi
  • Cartizze Brut La Rivetta 2020 – Villa Sandi
  • Colli Euganei Merlot Casa del Merlo 2018 – Filò delle Vigne
  • Conegliano Valdobbiadene Rive di Ogliano Extra Brut 2020 – BiancaVigna
  • Custoza San Michelin 2020 – Gorgo
  • Custoza Sup. Amedeo 2019 – Cavalchina
  • Custoza Sup. Ca’ del Magro 2019 – Monte del Frà
  • Hora Prima 2018 – Mosole
  • Lessini Durello Extra Brut Cuvée Augusto M. Cl. Ris. 2014 – Dal Cero – Tenuta Corte Giacobbe
  • Lugana Benedictus 2019 – Morette
  • Lugana Molceo Ris. 2019 – Ottella
  • Madre 2019 – Cescon
  • Montello e Colli Asolani Il Rosso dell’Abazia 2017 – Serafini & Vidotto
  • Montello e Colli Asolani Venegazzù Sup. Capo di Stato 2017 – Loredan Gasparini
  • Recioto della Valpolicella Cl. 2013 – Viviani
  • Riesling Collezione di Famiglia 2017 – Roeno
  • Soave Cl. Calvarino 2019 – Pieropan
  • Soave Cl. Monte Fiorentine 2019 – Ca’ Rugate
  • Soave Cl. Roccolo del Durlo 2019 – Battistelle
  • Soave Cl. Staforte 2019 – Prà
  • Valdobbiadene Brut Ius Naturae 2020 – Bortolomiol
  • Valdobbiadene Extra Dry Giustino B 2020 – Ruggeri & C.
  • Valdobbiadene Rive di Col San Martino Brut Cuvée del Fondatore Graziano Merotto 2020 – Merotto
  • Valdobbiadene Rive di Collalto Extra Brut 2020 – Borgoluce
  • Valdobbiadene Rive di Refrontolo Brut Col del Forno 2020 – Andreola
  • Valdobbiadene Rive di Rua Brut Particella 181 2020 – Bronca
  • Valpolicella Cl. Sup. San Giorgio Alto 2017 – Monte dall’Ora
  • Valpolicella Sup. 2019 – Campi
  • Valpolicella Sup. La Bandina 2018 – Sant’Antonio
  • Venezia Chardonnay 2018 – Barollo

Le più lette