Notizie
HomePadovanoPadovaOltre 60 giovani produttori coinvolti per la produzione musicale nelle sale di...

Oltre 60 giovani produttori coinvolti per la produzione musicale nelle sale di quartiere

 

Dal mese di settembre 2021 è attivo, nella Sala Musica di Voltabarozzo, un nuovo progetto che ha l’obiettivo di far diventare le sale di quartiere centro aggregativo per i giovani.

Ideato dall’associazione Volta 2000 e supportato dal Comune di Padova, Assessorato al Decentramento, il progetto prevede che le Sale Musica dei due quartieri, concesse grazie ad una convenzione all’associazione, diventino luogo dove svolgere attività a sostegno della crescita culturale e sociale dei giovani, con azioni rivolte allo studio e alla diffusione di generi musicali anche alternativi ai classici, e quindi emergenti tra i giovani.

sala musica voltabarozzo
 

Parliamo di Workstation audio digitale, Ableton live e FL studio sue funzionalità, teoria della musica armonia e melodia, come arrangiare un brano, canto e produzione musicale; cenni tecnici di acustica e teoria del suono, la creazione di un home studio, microfoni, scheda audio, controller; mixing & master per la musica elettronica, sintetizzatore e analogico, deejay, music producer, beat maker, vinili e campionamento, cenni di diritto d’autore, Siae, formazione, sostegno e tanto altro.

Nato durante il primo lockdown dall’esigenza di avere un luogo fisico dove potersi incontrare e condividere le proprie produzioni, il progetto già coinvolge oltre 60 giovani dai 16 ai 25 anni e si pone l’obiettivo di creare una community tra i giovani appassionati, in modo che possano avere un punto di riferimento utile anche per allargare le proprie competenze proprio in virtù della condivisione e del reciproco supporto

 

L’assessora al decentramento Francesca Benciolini

“Grazie a questa associazione e a questo progetto, le sale verranno utilizzate da decine di ragazzi per produrre letteralmente musica, ma anche per costruire un luogo fisico per l’incontro e lo scambio di informazioni e competenze.

Dopo la pandemia, spazi fisici per una maggiore socialità sono fondamentali e le nostre sale, che a volte fanno fatica ad avere come target i giovani, in questo caso sono a loro disposizione con un obiettivo molto innovativo. La fascia 16-25 anni ha sofferto molto le restrizioni dovute all’emergenza e ogni progetto che mira a farli incontrare e a far superare quel momento è per noi prezioso.

Non si tratta di una semplice gestione delle sale, ma della possibilità appunto di creare incontro e creare reti di aggregazione con un lavoro anche di community building, mettendo al centro la musica e il contemporaneo. Sono giovani che parlano ai giovani e non possiamo essere più felici che le nostre sale di quartiere abbiano anche questa funzione.”

 

Il presidente dell’associazione Volta 2000, Luigino Marchi

“Ringrazio il Comune di Padova per questa opportunità e per aver creduto in questo progetto che mette al centro i nostri giovani in un momento in cui ne hanno estremo bisogno. L’aggregazione tra giovani è oggi più che mai importante, se si sviluppa attorno alla musica, ben venga.”

Riccardo Rosin, giovane responsabile del progetto

“Il progetto è nato durante il primo lockdown. Prima ci si ritrovava in maniera estemporanea per fare musica, sempre con il supporto dell’associazione Volta 200. Durante il lockdown però ci siamo trovati a condividere online, via chat o Zoom le produzioni musicali e i lavori, e ci siamo subito resi conto di quanto servisse un luogo fisico.

Ci siamo immaginati una vera e propria house production, in cui i ragazzi potessero insieme produrre musica e realizzare brani, mettendo anche in comune le proprie competenze, a disposizione degli altri. Dietro a un brano o ad un disco infatti esistono ruoli e competenze differenti, il nostro obiettivo è metterli assieme anche nell’ottica dell’aiuto reciproco, perché l’unione fa la forza.

Parliamo di circa 60 ragazzi già attivi che frequentano le due sale. Quella a Voltabarozzo, in via Piovese è più adatta a delle performance live e infatti contiene strumentazione come tastiere analogiche o giradischi in vinile.

A Casa Leonardo invece abbiamo installato pc e software per la composizione elettronica, con l’intento di differenziare le due sale e utilizzarle per obiettivi differenti seppur in un unico progetto. Entrambe sono aperte a chiunque voglia anche solo affacciarsi a questo mondo, con la volontà di allargare sempre di più la rete.”

 

Le notizie più lette di Padova