Notizie
HomeAppuntamentiPadova: Planet Book, la bellezza e la fragilità del pianeta in 200...

Padova: Planet Book, la bellezza e la fragilità del pianeta in 200 foto d’autore

All’Orto Botanico di Padova fino al 24 ottobre, la mostra Planet Book con 200 foto d’autore

Una delle foto esposte, scattata da Jonas Bendiksen  (Magnum Photos)
Una delle foto esposte, scattata da Jonas Bendiksen (Magnum Photos)

Foto d’autore, le riflessioni delle nuove generazioni sul tema della crisi ambientale e l’occasione per tutti di esplorare il legame con il nostro pianeta, scoprendone le trasformazioni che ha subito nel tempo, il tutto in uno dei luoghi più rappresentativi e suggestivi di Padova: sono questi i principali ingredienti di Planet Book. La mostra, visitabile fino al 24 ottobre presso l’Orto Botanico. In mostra alcune foto tratte dall’omonimo progetto editoriale, nato dalla visione di Telmo Pievani (evoluzionista e divulgatore scientifico già autore di La Terra dopo di noi) e dalla collaborazione tra la casa editrice Contrasto e l’Università di Padova. Obiettivo del progetto Planet Book, creare consapevolezza e coinvolgimento sul tema del benessere del nostro pianeta attraverso 200 foto d’autore scattate da fotografi provenienti da ogni parte del mondo e commentate da un gruppo di studenti appartenenti a diversi corsi dell’Università di Padova.

Immagini di grande impatto visivo che portano l’osservatore ad ammirare la bellezza del nostro pianeta e allo stesso tempo a riflettere sui problemi e i rischi che lo affliggono, come spiega Telmo Pievani nella prefazione del volume: “La speranza che ci ha guidati nella realizzazione di Planet Book è che la potenza rivelatrice di queste fotografie, ciascuna delle quali è un’interpretazione della complessa transizione in corso, unita agli sguardi delle ragazze e dei ragazzi del XXI secolo, possa fare una piccola ma significativa differenza nelle menti aperte di tutti noi”.

La mostra propone una selezione di 100 foto e altrettante storie tratte da Planet Book, suddivise in quattro gruppi ispirati ai quattro elementi (acqua, terra, aria, fuoco), cui si aggiunge il quinto elemento, rappresentato dall’essere umano e dalle sue ambivalenze, in primis quella che lo vede diviso fra slancio creativo e impulso distruttivo. Non è un caso che il commento delle foto sia stato affidato a millennials e post millennials: una generazione che più di altre ha dimostrato di essere consapevole del pesante debito ambientale globale ereditato, ma che nella difficoltà della situazione cerca di intravedere anche delle possibili soluzioni.

Con un unico biglietto è possibile visitare sia la mostra che la location d’eccezione che la ospita: l’Orto Botanico di Padova, il più antico orto universitario del mondo, istituito nel 1545 e contenente oltre 6.000 esemplari e 3.500 specie botaniche. Un luogo simbolo della città che dal 1997 risulta iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco, un riconoscimento prestigioso che la città ha bissato proprio quest’anno con l’inserimento di Padova Urbs Picta nella World Heritage List. Planet Book. La mostra si svolge nell’ambito di Risvegli, festival dedicato alla curiosità e alla scienza organizzato dall’Università di Padova con il contributo di Fondazione Cariparo.

Francesca Tessarollo

Le notizie più lette di Padova