Notizie
HomeBreaking NewsPorto Viro: anche Katia Ricciarelli dice no alle trivelle

Porto Viro: anche Katia Ricciarelli dice no alle trivelle

Porto Viro: arriva il sostegno di Katia Ricciarelli alla lotta del comitato composto da politici bipartisan contro le trivelle

Katia Ricciarelli contro le trivelle
Katia Ricciarelli contro le trivelle

Una voce autorevole si è unita al coro dei “no alle trivelle” in Alto Adriatico, in una battaglia portata avanti da un comitato molto attivo sul Delta e composto da personalità politiche bipartisan. La voce, da soprano, è quella di Katia Ricciarelli, intervenuta in una conferenza stampa al centro visitatori dell’Ente Parco Veneto del Delta del Po a Porto Viro. Nel ringraziarla, il presidente e sindaco di Loreo Moreno Gasparini ha parlato di una “sensibilità dimostrata e cercata su un problema che riguarda tutti, non solo i 9 comuni del Delta ma l’intera area del Nordest”.

Il Decreto 116, sottoscritto il 26 marzo a Roma con l’assenso dei ministri Cingolani e Franceschini sulla “rimessa in moto” di certe trivellazioni in Alto Adriatico ha messo in allerta gli amministratori deltini in pochissimo tempo con una cordata dei nove comuni del Delta più la Provincia, per un ricorso al Tar del Lazio: l’azienda Po Valley, incaricata delle trivellazioni, ha infatti sede a Roma ma sede amministrativa in Australia, e per una maggior sicurezza il ricorso è stato anche tradotto e depositato in inglese in terra australiana.

“La parte più scandalosa – hanno assicurato dal comitato – viene dagli enti sovraregionali: l’Ue ha decretato delle macro aree di salvaguardia ambientale, e davanti al Delta del Po un corridoio per le Caretta Caretta e i delfini. Nel 2020 il Parco ne depositò il perimetro, 55mila ettari, e ora il progetto presentato dalle aziende di trivelle si colloca assurdamente a 200 metri dalla fine di questo perimetro”.

A comporre il comitato, assieme al presidente Renzo Marangon – ex assessore regionale e sindaco di Rovigo – Luca Bellotti e Diego Crivellari (ex parlamentari polesani), Moreno Gasparini, Enrico Bonafè e Geremia Gennari (ex sindaco di Porto Viro ed ex presidente dell’Ente Parco). Proprio quest’ultimo ha lamentato uno scarso interesse alla questione da parte del Delta ferrarese, con la quale la parte veneta ha portato avanti il riconoscimento Mab Unesco: “Non molto tempo fa l’Unesco si è mosso a Venezia sulla questione grandi navi: interessiamolo anche per questo problema” ha riflettuto.

Tra gli interventi, quelli degli amministratori Doriano Mancin, Roberto Pizzoli, Omar Barbierato, Sandro Vidali e della consigliera regionale Laura Cestari. “Sono da Ficarolo e sono qui in veste di cittadina polesana – ha ribadito Cestari – Cingolani e Franceschini vanno contro gli obiettivi green dell’Europa, noi non molliamo”.

Intervento finale della Ricciarelli, che ha promesso di coinvolgere altri testimonial alla causa, primo fra tutti Vittorio Sgarbi: “Sono nata a Rovigo e il mio cuore è sempre qui: sono battagliera e orgogliosa di vedervi così agguerriti; porterò questo messaggio a livello nazionale, magari anche al Grande Fratello”.

Fabio Pregnolato

Le più lette