Notizie
HomeRodiginoAdriaRovigo, check-up cardiologici gratuiti per pazienti post infarto

Rovigo, check-up cardiologici gratuiti per pazienti post infarto

Dal 29 settembre al 30 novembre alcuni cardiologi di Rovigo effettueranno visite ed elettrocardiogrammi gratuiti ai pazienti

In Italia ogni anno 130mila persone hanno un infarto. Il 20 per cento di questi pazienti, entro 12 mesi, andrà incontro a un nuovo infarto. Il 60 per cento è a rischio di un evento aterotrombotico.

A 12 mesi dall’infarto è dunque molto importante un’attenta rivalutazione delle condizioni del paziente, ma purtroppo spesso non viene effettuata e molti pazienti non si sottopongono ai periodici controlli o sospendono la terapia medica. La situazione di emergenza sanitaria che abbiamo vissuto, e stiamo tuttora vivendo a causa della pandemia Covid-19, ha inoltre inevitabilmente messo in difficoltà molti pazienti con pregresso infarto miocardico o rivascolarizzazione coronarica.

Per dare una concreta risposta al fabbisogno di salute di questi cittadini, la fondazione “Per il Tuo Cuore” dei cardiologi ospedalieri Anmco, da sempre attiva per progetti di prevenzione cardiovascolare, ha ideato la prima campagna Nazionale di prevenzione secondaria “Non dimenticare il tuo cuore”. Un’iniziativa nazionale gratuita, rivolta ai pazienti che hanno avuto un infarto miocardico e o una rivascolarizzazione negli ultimi due anni, o sono prossimi alla scadenza del piano terapeutico. Dal 29 settembre al 30 novembre, oltre 110 cardiologi di 27 città di 12 regioni italiane effettueranno visite cardiologiche ed elettrocardiogrammi gratuiti ai pazienti che aderiranno alla campagna.

Per tutta la durata dell’iniziativa sarà attivo il numero verde 800 05 22 33, della fondazione “Per il Tuo Cuore”, a disposizione dei cittadini che vorranno prenotarsi per effettuare gratuitamente il proprio controllo specialistico.

La campagna di prevenzione “Non dimenticare il tuo cuore” prevede un controllo ambulatoriale nel rispetto di tutte le regole fin qui emanate nei dpcm. Laddove non fosse possibile un’erogazione in presenza, a causa di ulteriori eventuali restrizioni secondarie alla pandemia Covid-19, saranno comunque eseguiti e garantiti consulti a distanza (telemedicina) dai cardiologici dei centri di riferimento.

Le più lette