Notizie
HomeBreaking NewsVicenza, Verona, Padova: le Mamme No Pfas e Greenpeace pubblicano le tabelle...

Vicenza, Verona, Padova: le Mamme No Pfas e Greenpeace pubblicano le tabelle degli alimenti inquinati

Mamme No Pfas 2018 foto di Francesco Brasco
Un gruppo di Mamme No Pfas in un sit in sotto il tribunale di Vicenza dell’estate del 2018 (foto di Francesco Brasco)

Le Mamme No Pfas e Greenpeace pubblicano oggi i dati sull’inquinamento da PFAS negli alimenti che hanno ottenuto dalla Regione dei Veneto nei giorni scorsi

 

Le Mamme NO PFAS e Greenpeace pubblicano oggi tutti i rapporti di prova ottenuti dalla Regione Veneto e relativi ai monitoraggi effettuati sulla presenza di sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) negli alimenti di origine vegetale e animale coltivati in zona rossa, l’area del Veneto più contaminata da queste sostanze chimiche pericolose. Tale documentazione era già disponibile, su richiesta, dallo scorso 20 settembre, quando Mamme NO PFAS e Greenpeace hanno diffuso le prime informazioni. Inoltre, da oggi oltre alle mappe già rese note il mese scorso ne sono state aggiunte altre con tabelle in cui è possibile visualizzare i dati per ogni singolo alimento nonché verificare la presenza di ogni singolo PFAS.

“È paradossale – affermano nella nota congiunta – che ancora una volta siano Greenpeace e le Mamme NO PFAS a condurre un’operazione di trasparenza e accessibilità alle informazioni mentre la Regione continua a trincerarsi dietro un silenzio assordante”.

“Le popolazioni che da decenni convivono con livelli allarmanti di sostanze chimiche (non solo nell’ambiente in cui vivono ma anche nel loro corpo) – continuano Mamme No Pfas e Greenpeace –  hanno il diritto di sapere a cosa vanno incontro mangiando gli alimenti provenienti dalla zona rossa. Lo stesso discorso vale anche per tutte le altre persone, italiane e straniere, che, in modo inconsapevole, potrebbero ancora oggi consumare decine di alimenti con elevati livelli di PFAS per colpa dell’inerzia istituzionale”.

“SUI PFAS COMPORTAMENTO OPACO E OMISSIVO DELLA REGIONE DEL VENETO”

“Il presidente Zaia, che si è sempre dichiarato attento alla questione – sottolineano nella nota -, non interviene e di fatto continua ad avallare il comportamento opaco e omissivo della Regione: una mancanza inaccettabile proprio da parte di quelle istituzioni che dovrebbero tutelare la salute della popolazione”.

Greenpeace e le Mamme NO PFAS erano venuti in possesso dei risultati del monitoraggio sugli alimenti coltivati in zona rossa, effettuato dalla Regione Veneto nel 2016 e nel 2017, solo nei mesi scorsi dopo una lunga battaglia legale e un ricorso al TAR per ottenere l’intero set di dati.

Dall’analisi di questi dati sono emersi numerosi aspetti poco chiari legati, tra l’altro, all’assenza di alcuni alimenti tra le matrici analizzate (ad esempio meloni, angurie, mele e altri vegetali a foglia larga) e alla poca chiarezza sui criteri geografici che hanno guidato la scelta dei campioni da analizzare.

Inoltre, dai dati ricevuti non è possibile individuare eventuali legami con filiere agricole e zootecniche che vendono i propri prodotti sul mercato nazionale e straniero. A ciò si aggiunge la consegna parziale dei risultati da parte della Regione Veneto: a fronte di 1248 alimenti analizzati, sono stati forniti solo gli esiti delle indagini effettuate su 908 campioni, con solo pochi dati riferiti al pescato. Per ottenere le informazioni mancanti le Mamme NO PFAS e Greenpeace invieranno nei prossimi giorni alla Regione Veneto una nuova istanza di accesso agli atti.

QUI TABELLE E RAPPORTI DI PROVA AL PORTALE MAMME NO PFAS

 

Le più lette