venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeVicentinoBassanoBaby gang, aggressioni a Vicenza e a Bassano: gli episodi diventano un...

Baby gang, aggressioni a Vicenza e a Bassano: gli episodi diventano un caso in parlamento

Tempo di lettura: 3 minuti circa

Baby gang, tre episodi a Vicenza e Bassano: il “branco” aggredisce minorenni

Esplode a Vicenza e a Bassano il fenomeno delle baby gang. A Vicenza si indaga su due episodi: in piazza Castello un ragazzo di 14 anni è stato aggredito da un gruppo di giovani che lo ha picchiato procurandogli una frattura alla clavicola e scappando con il suo smartphone. Ricoverato al San Bortolo, guarirà in un mese. È accaduto la sera di Halloween e probabilmente si tratta dello stesso gruppo che, poco prima, aveva aggredito due ragazzi in piazza San Lorenzo. Ma la cronaca riporta anche di un altro pestaggio, stavolta avvenuto a Bassano, davanti alla discoteca Liv dopo un concerto: anche in questo caso un ragazzo è stato aggredito e picchiato da una decina di giovani, tra cui anche dei minorenni. Ricoverato in ospedale, è stato successivamente dimesso con una prognosi di dieci giorni.

Su questi avvenimenti intervengono amministratori ed esponenti politici.

Il sindaco: “Baby gang a Vicenza, esiste un problema serio di disagio sociale che rischia di dilagare”

Francesco Rucco, sindaco di Vicenza dal 2018 e presidente della Provincia

“Le aggressioni avvenute in pieno centro storico la sera di Halloween – stigmatizza il sindaco di Vicenza, Rucco – rappresentano un fatto molto grave che evidenzia l’acuirsi del fenomeno delle baby gang. Ho immediatamente segnalato la questione non solo al prefetto e al Comitato provinciale ordine e sicurezza, ma anche al governo e ai parlamentari vicentini. Esiste un problema di serio disagio sociale che rischia di dilagare. Ci sono episodi ricorrenti non solo a Vicenza, ma anche a Bassano, a Schio, come del resto in numerosi centri italiani. Prima che la situazione degeneri si deve agire con fermezza”.

“Gli aggressori vanno quanto prima individuati e puniti in modo esemplare, anche indirizzandoli a lavori socialmente utili. In questo senso collaboreremo tra sindaci per mettere a disposizione progettualità e risorse a sostegno di questi giovani problematici che devono essere accompagnati in un percorso di recupero. Desidero infine inviare un messaggio di solidarietà ai ragazzi aggrediti e alle loro famiglie che in alcuni casi conosco personalmente. Non si tratta di giovani avvezzi alle risse, ma di studenti perbene che hanno tutto il diritto di trascorrere serenamente una serata di festa in città”.

Zanettin interroga il ministro Lamorgese: “Ho sollevato più volte il problema della sicurezza a Vicenza, ma il governo non risponde mai”

Zanettin Forza Italia
Pierantonio Zanettin, deputato di Forza Italia ha sollevato in parlamento i casi vicentini

Su questi episodi l’onorevole Pierantonio Zanettin ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese: “In passato ho già segnalato, con diversi atti di sindacato ispettivo, gli evidenti problemi di sicurezza pubblica che riguardano il capoluogo berico. Tali atti, però, sono rimasti del tutto privi di risposta da parte del governo. È necessario un intervento più incisivo da parte delle forze dell’ordine, affinché i sindaci non si sentano soli nel contrasto di questi gravissimi fenomeni. Al ministro dell’Interno chiedo – conclude Zanettin – quali urgenti e specifiche iniziative il governo intenda assumere per contrastare e reprimere il fenomeno della baby gang che dalle città metropolitane si sta diffondendo anche alle città di provincia”.

 
 
 

Le più lette