martedì, 17 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeBreaking NewsCorte Ca' Lando accoglie l'Università di Padova

    Corte Ca’ Lando accoglie l’Università di Padova

    Banner edizioni

    La corte Ca’ Lando si lega con una convenzione all’Università di Padova, diventando luogo per attività didattiche, di ricerca e culturali.

    Presentata ufficialmente la collaborazione tra Comune di Padova e il Dipartimento di Ingegneria civile edile e ambientale dell’Università degli Studi di Padova. Questo splendido edificio del Rinascimento, che già accoglie diverse attività di volontariato, diverrà presto fucina di laboratori e idee per i giovani studenti di domani.

    Hanno preso parte alla presentazione ufficiale l’assessore Andrea Colasio, il prorettore Unipd all’Edilizia Carlo Pellegrino, il presidente del corso di laurea di Ingegneria Edile – Architettura Stefano Zaggia, ed Edoardo Narne, docente del corso di laurea, responsabile della convenzione e coordinatore del gruppo G124.

    Il gruppo G124, iniziativa dell’architetto e senatore Renzo Piano, è un progetto di riqualificazione urbana con partecipanti da tutti Italia e che può vantare la sua presenza anche a Padova.

    “Stiamo ancora pensando di lavorare ancora all’Arcella, sempre con Renzo Piano, e abbiamo appena concluso al parco della Guizza e al parco dei Salici” ha affermato Edoardo Narne, spiegando la vitalità di questa iniziativa al servizio della comunità cittadina.

    Stefano Zaggia ha sottolineato: “Qui noi come corso di laurea di Ingegneria e Architettura, del dipartimento di Ingegneria civile e ambientale, abbiamo intenzione di lavorare con i nostri studenti e i già laureati su temi che riguardano da un lato il patrimonio storico e architettonico (in particolare la valorizzazione di questo luogo, raccontandone la storia e organizzando anche delle piccole iniziative come mostre e incontri), dall’altro un lavoro di progettazione sulle fragilità della città di Padova, soprattutto nelle zone di periferia e le aree che hanno necessità di rigenerazione e riprogettazione”.

    Andrea Colasio ha espresso la sua soddisfazione per questo fortunato connubio, ricordando la storia dell’edificio: “Venne realizzato nel 1534 grazie a un lascito di Marco Lando ed è il primo caso di welfare sociale, il primo esempio di edilizia residenziale pubblica (all’epoca si diceva caritatevole). Da un punto di vista architettonico è un unicum (che dialoga con alcuni esemplari del nord Europa) e costituisce indubbiamente di un bene culturale che ancora oggi come in passato ospita situazioni di ‘fragilità sociale’. Ma ciò che è importante è averci inserito, in collaborazione con il dipartimento di edilizia civile e ambientale, un qualcosa di più: un laboratorio culturale, un luogo frequentato da giovani e ricercatori. Perché è bene coniugare la dimensione sociale e la dimensione culturale”.

    Fedora, giovane studentessa la cui tesi si occupa proprio di raccogliere informazioni sulla riqualificazione dell’edificio, ha affermato: “All’interno l’impostazione standard di tutti i giorni, dove noi dovremo lavorare e progettare, vede 6 tavoli, sei postazioni tematiche che richiamano i nomi dei più grandi architetti che lavorarono qui a Padova (Giuseppe Jappelli, Andrea Palladio, Daniele Calabi, Vincenzo Scamozzi, Giovanni Maria Falconetto e Giovanni degli Eremitani)”. Ma i tavoli potranno essere disposti in maniera diversa a seconda delle necessità, come formare una tavola rotonda o organizzare un’esposizione.

    Moltissimi sono i progetti in corso, a cui i giovani tesisti lavoreranno con passione assieme ai loro professori per assistere la città e arricchirla di una rinnovata bellezza.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni