Notizie
HomeCucinaLa tavola di novembre: tre ricette da provare

La tavola di novembre: tre ricette da provare

L’autunno offre il meglio per la tavola. È uno dei periodi più ricchi per quanto riguarda l’arte culinaria, con ingredienti straordinari e ricette gustose

Ricette di novembre
Ricette di novembre

Se c’è qualcosa che può dare conforto quando l’autunno inizia a condizionare le nostre giornate che si accorciano e rinfrescano, è cimentarsi in cucina con ricette semplici e sfiziose per portare in tavola le verdure di stagione. È la stagione più amata dai cuochi, quella che va da settembre a dicembre, e che colora le tavole con i toni più caldi, dal giallo della polenta bollente all’arancio di zucche e cachi, passando per il bruno di funghi e castagne fino ai verdi di broccoli, broccoletti e cime di rapa. Sono solo alcuni dei frutti e della verdura di stagione che la natura offre a novembre, preziosi per la nostra salute perché ricchi di fibre e vitamine necessarie in questo periodo dell’anno per fortificare le difese immunitarie.

Ma l’autunno, con i suoi nuovi prodotti della terra, è il periodo dell’anno dedicato alla riscoperta di piatti ricchi di tradizione e storia. Ogni famiglia ha i propri ingredienti segreti. Di seguito alcune ricette che ben rappresentano in questo periodo dell’anno la Regione Veneto. Una stagione che tinge tutto dei toni sfumati del giallo, rosso, arancione e marrone e che ci regala prelibatezze per il palato.

Autunno, le ricette della tradizione veneta: pasta e fagioli

Piatto tipico della tradizione contadina veneta, la Pasta e Fagioli è un primo piatto ​morbido e gustoso, perfetto per un pranzo o una cena in famiglia. La ricetta è molto facile e i pochi ingredienti previsti contribuiscono a esaltare il sapore di questo piatto autunnale. Mettete in ammollo i fagioli secchi in acqua fredda per una notte. Il giorno dopo, tritate la carota, la cipolla, il sedano e gli aghetti di rosmarino e rosolate il trito con tre cucchiai d’olio. Scolate i fagioli e sciacquateli, uniteli al soffritto e lasciate insaporire per un paio di minuti. Aggiungete le patate a cubetti, il gambetto di prosciutto, due litri d’acqua e portate ad ebollizione. Aggiungete il concentrato di pomodoro e poco sale e cuoceteli per circa due ore. Frullate metà dei fagioli e rimetteteli sul fuoco aggiungendo i ditalini e portate a cottura. Alla tradizione della cucina popolare si può aggiungere una nota di colore e di sapore con la crema di zucca, che rende ancora più vellutato il minestrone che accompagna la pasta. Un trionfo di gusto e di sapori della terra. Un piatto che permette di gustare in modo un po’ diverso dal solito questi straordinari prodotti novembrini ricchi di proprietà benefiche per la salute.

Piatti di novembre: i verzolini

Deliziose foglie di verza ripiene di carne, per un piatto unico dal sapore irresistibile, sono i verzolini un piatto tipico di tutto il nord Italia. Questi involtini fanno parte di quelle ricette di una volta che vengono tramandate nelle famiglie e che ognuno poi adatta in tante varianti. Un segreto comune è che la verza, per essere morbida e avvolgere gli involtini al meglio, si utilizza solo dopo una gelata. In acqua bollente scottare le foglie di verza, calcolate tre foglie a persona. È importante scegliere le foglie più interne e morbide. Attenzione alla dimensione delle foglie, l’importante è che non siano troppo piccole perché dovranno avvolgere il ripieno. A parte preparate il ripieno cuocendo la carne tritata, con olio e lo spicchio d’aglio, noce moscata e della verza tagliata julienne per ammorbidire il ripieno. A fine cottura aggiungere l’uovo, il parmigiano e regolate di sale e pepe. Su un piano stendete tutte le foglie di verza e dividete l’impasto ponendolo al centro, poi richiudete le foglie come fossero tanti pacchetti e, aiutandovi con lo spago, sigillate gli involtini così che l’impasto non scappi. Potete cuocerli sia in forno che in padella. Per farlo in padella, mettete un cucchiaio d’olio e una noce di burro, fateli soffriggere lentamente e posizionate i verzolini.

Autunno: novembre è il mese della torta fregolotta

Passiamo ad un dolce tipico della Marca Trevigiana: la torta fregolotta, deliziosa nella sua estrema semplicità. Le origini di questo dolce si perdono indietro nel tempo. E’ un dolce che si poteva preparare utilizzando i semplici prodotti del territorio che si avevano facilmente a disposizione: farina, panna e zucchero. Il suo nome deriva dal modo in cui la torta viene preparata: l’impasto, infatti, va spezzettato fino ad ottenere delle grosse briciole, le fregole appunto.  In alcune zone è possibile trovarla con il nome di torta “rosegota” dato il suo aspetto irregolare. È un dolce che richiama alla convivialità: pezzettoni di dolce che si prendono con le mani e si sgranocchiano chiacchierando. Per la preparazione iniziate setacciando la farina e il sale all’interno di una ciotola capiente aggiungete lo zucchero e mescolate bene. In una ciotola separata versate la panna e disponete quindi, accanto ai due contenitori, uno stampo a cerniera precedentemente imburrato. Bagnate quindi le dita delle mani nella panna e appoggiatele sull’impasto di farina e zucchero in modo da raccoglierne un po’. Sfregate le mani l’una con l’altra così da ottenere delle briciole di pasta che lascerete cadere direttamente nella teglia imburrata. Proseguite in questo modo fino a terminare la farina a vostra disposizione. Distribuite l’impasto su tutta la teglia in modo da realizzare uno strato uniforme. L’ultima fase è cucinare in forno preriscaldato a 160° per 1 ora circa, o comunque fino a che la superficie del dolce avrà assunto un bel colore dorato. Per questa ricetta che si gusta con piacere a colazione, come spuntino da sgranocchiare con un caffè, a merenda e come dessert, oppure con un buon bicchiere di moscato o di passito, la cosa importante è condividerla fino all’ultima “fregola”.

Sara Busato

Le più lette