mercoledì, 19 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeVenezianoMiranese NordNoale: la storia di Jo, esempio di solidarietà

    Noale: la storia di Jo, esempio di solidarietà

    Leaderboard

    Noale, il racconto di una insegnante dell’istituto comprensivo. E’ emerso lo scorso ottobre al Centro Candiani di Mestre nel corso di un convegno molto partecipato

    Noale diventa simbolo di integrazione e nuove possibilità di vita felice grazie al positivo esempio di un bambino perfetttamente intetgrato grazie alla generosità di molti, a partire dalla sua nuova famiglia. La storia, poi rimbalzata tramite un rapido passaparola via internet e diventata quasi virale, è stata raccontata lo scorso ottobre al Centro Candiani di Mestre nel corso del molto partecipato convegno sulla solidarietà familiare e scolastica organizzato dall’assessorato alla Coesione sociale del Comune di Venezia, nell’ambito della nona edizione del ciclo “Dritti sui diritti”.

    A farsi portavoce e testimone del prezioso esempio di solidarietà che, come ben spiegato, “Significa non solo assicurare solidità e forza, ma anche pienezza”, è stata Claudia Castegnato, insegnante dell’istituto comprensivo di Noale. La vicenda è quella di Jo, mamma nigeriana e padre italiano ma di origine canadese, genitori separati e con una vicenda familiare non facile e con un probabile passato di abusi se non subiti sicuramente vissuti dal bambino con i propri occhi.

    “Una volta arrivato a Noale- racconta l’istruttrice- a scuola Jo manifesta fin da subito una forma di mutismo selettivo, parlando solo con i genitori. La nostra difficoltà di relazionarsi con lui è chiara, ma i primi a essere solidali sono stati proprio i suoi compagni, che anche solo con dei semplici gesti sono riusciti da subito a comunicare con lui e in pratica a tradurre a noi insegnanti quello che lui intendeva esprimere. Questo si è rivelato per noi molto importante, perché a poco a poco siamo riusciti a risalire ai suoi problemi principali, primo di tutti il fatto che i genitori abitano in paesi diversi, il padre lavora spesso fuori regione e ogni tanto la mamma sparisce. A volte è capitato che, al termine del tempo pieno pomeridiano, Jo abbia aspettato la mamma inutilmente”.

    Ed è qui che è intervenuta la rete dei genitori, “Abbiamo avuto il supporto di gente fidata e l’autorizzazione dei genitori, e questo ha creato un senso di serenità in Jo, per cui, anche se non arriva la mamma, sa che dopo tre quarti d’ora qualcuno chiama altri adulti e questi lo vengono a prendere e lo accolgono a casa loro. Così, Jo un poco per volta si è sciolto. Dalla terza elementare abbiamo cominciato a sentirlo parlare fino a quando si è messo anche a cantare con gli altri”.

    Massimo Tonizzo

    Leaderboard

    Le più lette