Notizie
HomePadovanoPadovaPadova, il campione olimpico di canottaggio Rossano Galtarossa fa il punto

Padova, il campione olimpico di canottaggio Rossano Galtarossa fa il punto

Canottaggio, l’intervista a Galtarossa: “Ripartiamo dai vivai e dagli istruttori lasciati soli”

Rossano Galtarossa
Rossano Galtarossa

Ha vestito per 16 anni consecutivi la maglia azzurra, partecipando a 5 edizioni dei Giochi Olimpici, e ad oggi è l’unico atleta padovano ad esserci riuscito; ha gareggiando anche in 12 campionati mondiali, guadagnando il podio per ben 10 volte. Il suo palmares conta complessivamente 166 medaglie d’oro, 59 medaglie d’argento e 26 medaglie di bronzo. Rossano Galtarossa è rimasto nel suo ambiente di sempre, il canottaggio: oggi è direttore degli impianti della Canottieri Padova, consigliere nazionale della Federazione Italiana Canottaggio, referente per il settore Paralimpico e vice presidente Coni Veneto, l’atleta padovano più titolato cui chiedere quale sia la situazione attuale dello sport padovano.

“Lo sport ha sofferto davvero molto in questi ultimi due anni”, dichiara a “La Piazza” Rossano Galtarossa, “gli ottimi risultati alle Olimpiadi sono sicuramente importanti perché garantiscono una spinta emozionale che contribuisce a riavvicinare gli sportivi alle palestre e ai campi di gioco. Ho però l’impressione che ci sia stato un “buco” nei vivai, giovani che non si sono avvicinati o che hanno abbandonato l’attività, e gli effetti li vedremo purtroppo tra qualche tempo. Lo sport di base ha sofferto molto, soprattutto le piccole società sportive; una parte degli istruttori ha lasciato e ha dovuto reinventarsi, non sarà facile creare le condizioni perché tornino al loro posto, e in che tempi. La professionalità di preparatori e allenatori non è riconosciuta a livello economico, molte società non potrebbero permetterselo”. 

Proprio in momenti come questi lo sport di base avrebbe bisogno di sostegno, come bisognerebbe operare? 

“Le società sportive avrebbero bisogno di aiuti per rimanere in piedi e per tornare ad essere attive, questo consentirebbe ad allenatori e ragazzi di tornare. Bisognerebbe pensare a formule di incentivazione per quelle imprese sensibili che decidono di sostenere lo sport, magari sotto forma di defiscalizzazione dei loro contributi. Il punto di partenza, comunque, dovrebbe essere il sostegno alle società”. 

Qual è la situazione riguardo al canottaggio, e in particolare alla Canottieri Padova, che è la più grande del Veneto per numero di praticanti? 

“La nostra è un’attività all’aperto e quindi l’attività agonistica è continuata, abbiamo portato 6 atleti a Olimpiadi e Paralimpiadi. I nostri soci non ci hanno abbandonato, anzi qualcuno è stato ancora più generoso. Il canottaggio è uno sport per tutti, abbiamo atleti dagli 8, 9 anni fino ai 70 e oltre, uomini e donne. E ci insegna che non bisogna mai tirare i remi in barca”.

Le notizie più lette di Padova