mercoledì, 19 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeVenetoAttualitàTourism4All, Caner: "Gettate le basi per un Veneto accessibile"

    Tourism4All, Caner: “Gettate le basi per un Veneto accessibile”

    Leaderboard

    Turismo, assessore Caner: “Dalle spiagge, alla riviera, passando per l’entroterra. Interventi per soddisfare i bisogni di tutti”

    Tourism4All
    Tourism4All

    Sono stati presentati nella mattina di ieri nell’isola di San Servolo i risultati del progetto europeo “Tourism4All” e le azioni realizzate sui territori italiani e croati, i paesi coinvolti nel programma Interreg.

    “Pensato e sviluppato per creare un network transfrontaliero di destinazioni turistiche accessibili ed inclusive, Tourism4All ci ha offerto spunti e riflessioni su un concetto di turismo che oggi è radicalmente cambiato – commenta l’assessore regionale al Turismo, Federico Caner -. Come Regione, partner di questo progetto, abbiamo realizzato diversi interventi in un’area che comprende le province di Venezia, Padova e Rovigo, investendo complessivamente 250mila euro. Con questo budget ci siamo focalizzati sul potenziamento dell’accessibilità in otto stabilimenti balneari della Costa Veneta, abbiamo realizzato dieci guide in Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), che grazie a pittogrammi e linguaggio semplificato possono facilitare la comprensione e la visita delle ville della Riviera del Brenta. Ma abbiamo anche investito in promozione, realizzando tre video multilingue – italiano, inglese e tedesco – per valorizzare le mete accessibili, oltre ad aver accompagnato dei turisti con disabilità intellettive in una minicrociera, garantendo tutto quello che richiede una esperienza a bordo di un’imbarcazione”. 

    Tourism4All
    Tourism4All

    “Questo per dire che nulla è rimasto sulla carta, anzi – sottolinea Caner -. La panoramica sulle buone pratiche, sulle strategie e sulle opportunità del turismo accessibile a livello regionale, nazionale ed europeo ci deve far riflettere sulle potenzialità che può offrire questo segmento della domanda turistica. Progetti di questo calibro, infatti, ci permettono di ripensare all’esperienza turistica, offrendo un turismo accessibile calibrato sulle nuove esigenze ‘speciali’”.

    “I risultati di questo progetto europeo parlano chiaro e solo coinvolgendo più destinazioni si può pensare di creare una rete tra gli operatori turistici dell’area adriatica, che sappiano valorizzare il patrimonio naturale e culturale, incentivando l’inclusione sociale – conclude l’assessore al Turismo -. Oggi abbiamo individuato i bisogni specifici di un segmento che può rendere ancora più competitivo il sistema dell’accoglienza della prima regione turistica d’Italia perché, per noi, turismo accessibile significa pensare alle persone con bisogni specifici, affinché possano viaggiare, alloggiare e prendere parte ad eventi e attività in condizioni non solo di autonomia, ma anche di sicurezza e comfort”.

    Leaderboard

    Le più lette