Notizie
HomePoliticaVeneto, Marcato: “E’ il tempo dell’ascolto, la parola passa ai militanti”

Veneto, Marcato: “E’ il tempo dell’ascolto, la parola passa ai militanti”

Per la Lega veneta una stagione di confronto interno

ZLS marcato venezia rodigino porto
Roberto Marcato

Roberto Marcato lo ha sempre detto: “Bisogna far presto e avviare quanto prima la stagione dei congressi. Sono da sempre l’anima del nostro partito. La parola sulle decisioni che contano va data prima ai militanti”. Del resto lo avevaa ripetuto per tutta l’estate: “A settembre chiederò che si vada avanti, la pandemia ha rallentato tutto, ma appena è possibile dobbiamo tornare a incontraci, a guardarci e adirci le cose in faccia come siamo abituati a fare, come in Lega si fa da sempre”. Storico fondatore della Liga Veneta, attuale componente del direttorio regionale, già membro del direttivo federale della Lega Nord, grazie pure al record di 11.657 preferenze ottenute a settembre 2020 con la rielezione di Zaia al governo regionale, l’attuale assessore regionale allo Sviluppo economico e all’Innovazione assessore Roberto Marcato ha davvero tutti i numeri, storia politica e d esperienza amministrativa per dire la sua.

“Ora che abbiamo superato, anche se non del tutto, la pandemia e le restrizioni dovute al Covid, si torna all’attività politica. La prima cosa da fare era fissare i congressi di sezione, poi i provinciali e quindi i regionali. Speriamo di partire a breve. I militanti hanno il bisogno e il diritto di potersi scegliere i loro rappresentanti. Io capisco, del resto, anche il lavoro fatto dal commissario, che è scelto direttamente dal partito e al quale spettano i compiti a volte più ingrati e complicati, non è dei facili e per questo mi sento di ringraziarli. Oggi però è il tempo dell’ascolto della nostra base e delle decisioni condivise. Su questo siamo tutti d’accordo”.

Ma non ci sono due anime nella Lega anche in Veneto. “Due anime? In Lega ci sono dieci, venti, centinaia di anime, non solo in Veneto, ovunque. Ed è giusto che sia così. La nostra matrice è questa: noi siamo il partito più democratico tra tutti, a partire da quanto previsto dal nostro Statuto e dai regolamenti, siamo espressione fedele di un mondo in cui ognuno ha un proprio pensiero e lo esprime liberamente, sarebbe grave non potesse farlo a casa sua ossia all’interno del proprio partito”. Marcato interviene sulla sua candidatura a segretario regionale della Lega che, nella nostra regione, ha confermato, anche alle recenti elezioni, tutta la sua forza e capillarità. ”Confermo la mia disponibilità. Ma non sarò io a deciderlo, non sarò mai io a imporlo. Io sono un “alpino” ed eseguo gli ordini: se la Lega me lo chiede, io ci sono. Mi auguro che la stagione congressuale possa essere anche uno stimolo per l’agenda politica: dedichiamoci un po’ di meno al Green Pass e un po’ di più all’autonomia”.

Le più lette