venerdì, 28 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeVenetoAspiag, Taliana: “Le nostre radici sono ben piantate, rapporto solido con comunità...

    Aspiag, Taliana: “Le nostre radici sono ben piantate, rapporto solido con comunità e filiere locali”

    Leaderboard

    Aspiag Service, la concessionaria veneta del marchio Despar fra crescita e sostenibilità. L’intervista esclusiva a Giovanni Taliana

    Nel 2020 il 90% dell’energia acquistata dalla società è verde e consente di abbattere l’85% di emissioni di CO2. Il 76% dei rifiuti viene inviato al riciclo. Nel 2020 sono stati donati 2,4 milioni di pasti recuperando 5,7 milioni di euro di merce

    Quando il tuo logo è da sempre un abete, difficile non avere già nel sangue il valore della sostenibilità. De Spar, l’abete appunto, in olandese. Era il 1932 quando Adriaan Van Well fondò nei Paesi Bassi quella società cooperativa che si proponeva di unire in un’unica catena commerciale tanti negozi al dettaglio: il marchio con l’albero, importato in Italia agli inizi degli anni 60’, oggi in Veneto fa capo ad Aspiag Service. La centrale operativa di Mestrino, in provincia di Padova, è concessionaria Despar, Eurospar e Interspar per tutto il Triveneto, l’Emilia-Romagna e dall’inizio del 2021 per undici delle dodici province della Lombardia, con 8.695 dipendenti.

    In Veneto la società è presente con 162 punti vendita (85 diretti, il resto affiliati) e un totale di quasi 50 milioni di investimenti diretti sul territorio: nella sola provincia di Padova i punti vendita sono 36, con 1.791 collaboratori. Un anno decisamente in crescita.“Si tratta di uno sviluppo fondamentale per continuare a investire nel territorio, dando valore aggiunto alle comunità. Per noi investimento non è solo l’apertura di un punto vendita, ma è soprattutto collaborazione e dialogo con la pubblica amministrazione per capire quali sono i bisogni”, spiega Giovanni Taliana, direttore relazioni esterne di Aspiag. “Le nostre non sono aperture finalizzate solo al business, ma anche alla riqualificazione di zone particolari e al recupero di edifici storici che vengono portati a nuova vita”.

     

    Investimenti sul territorio, ascolto delle comunità locali e recupero dell’esistente che già di per sé significano essere sostenibili. Aspiag, che non dimentica di avere un abete sul suo biglietto da visita, ha scelto di guardare anche al lato green del proprio essere impresa.

    Al 2020 sono 48 i siti certificati secondo la norma Iso 14001 e l’intenzione è di estendere progressivamente il modello a tutta la rete. Lo scorso anno per il 90% è stata acquistata energia verde certificata, consentendo l’abbattimento dell’85% delle emissioni di CO2.

    La politica di efficientamento energetico ha portato a sostituire con l’illuminazione a led le classiche lampade in ben 134 punti vendita. Il 76% dei rifiuti viene inviato a riciclo, è stata creata una linea per l’igiene personale in contenitori in plastica 100% riciclata, i sacchetti sono biodegradabili, per i prodotti freschi sottovuoto è stata dimezzato l’uso della plastica sostituita dalla carta. “L’attenzione all’ambiente è nel nostro DNA, nella nostra storia. Come l’attenzione alla comunità”.

    Competenza, prossimità, inclusione e partecipazione sono i valori che Aspiag ha messo come punti cardine del proprio agire. “Dal punto vendita alla comunità dobbiamo essere affidabili, cercando di coprire non solo le zone più interessanti ma anche quelle più isolate, perché crediamo che la missione della grande distribuzione sia dare un servizio”. 

    “Essere vicini – afferma il direttore relazioni esterne – significa essere sostenibili, offrendo prodotti locali”. Creare valore aggiunto per Aspiag vuol dire condividere la propria presenza nella comunità: dai 2,4 milioni di pasti donati (equivalente a 5,7 milioni di euro di merce recuperata) agli oltre 800mila euro di sponsorizzazioni, dalle charity anche verso le realtà più piccole al recente progetto con le sette questure dei capoluoghi veneti con la creazione di un opuscolo per lo stop al bullismo. “Aspiag Service c’è”, afferma Giovanni Taliana.

    Ci siamo stati durante tutta la pandemia, con i nostri camion fin da subito presenti a Vo’, con il sostegno all’ospedale di Schiavonia, con la donazione di mascherine alla Regione Veneto, i supporti dati ai nostri territori a seguito dell’acqua granda di Venezia e della tempesta Vaia”.

    Attraverso la cooperazione armoniosa tutti traggono vantaggio in egual misura. Tradotto, è questo il significato dell’acronimo Despar.

    Le nostre radici sono ben piantate per terra”, fa presente Taliana. Più le radici sono solide, più si cresce. Una solidità che significa rapporto con il territorio, ma anche creazione di un gruppo di sostenibilità interno e di un vero e proprio manifesto della sostenibilità: dieci punti che tutti, dai vertici in giù, si impegnano ogni giorno a seguire. Dalla cura del Pianeta alla lotta allo spreco alimentare, passando per la qualità del prodotto, il dare va- lore alla collettività, la promozione della salute e del benessere, la trasparenza, la fiducia nella filiera e nell’imprenditoria locale, gli investimenti nel territorio.

    Sara Salin

    Leaderboard

    Le più lette