venerdì, 27 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoChioggiaChioggia, controlli green pass, esercizi di ristorazione e un arresto per codice...

    Chioggia, controlli green pass, esercizi di ristorazione e un arresto per codice rosso

    Banner edizioni

    Chioggia, controlli green-pass, esercizi di ristorazione e un arresto per codice rosso

     

    Negli ultimi giorni, i Carabinieri della Compagnia di Chioggia, hanno aumentato i servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa covid-19, anche relativamente al possesso della certificazione verde, sanzionando:

    un esercizio commerciale a Campagna Lupia, poiché il titolare stava svolgendo le mansioni di pizzaiolo pur essendo sprovvisto di green pass, previsto per lo svolgimento della specifica attivita’ lavorativa. Si procedeva quindi alla chiusura preventiva del locale per la durata di gg.5;

    un esercizio commerciale a Camponogara, poiché il titolare ometteva di verificare il possesso del green pass ad uno degli avventori, che, essendone sprovvisto, veniva a sua volta sanzionato;

    un esercizio commerciale a Vigonovo, poiché il titolare era sprovvisto di green pass.

     

    Contemporaneamente, non è diminuita l’attenzione al controllo del rispetto delle norme igienico-sanitarie e della tracciabilità della filiera ittica.

     

    Infatti, nella giornata dell’8 dicembre, i carabinieri della Motovedetta, durante un  servizio di contrasto alle violazioni in materia di pesca, trasporto e commercializzazione di prodotti ittici, hanno sanzionato amministrativamente due persone, per un totale di euro 3.000,  poiché trasportavano circa 300 kg. di molluschi (nella fattispecie vongole veraci, sistemate in 10 ceste all’interno del veicolo) privi di documentazione di accompagnamento e in condizioni igienico-sanitarie inidoee. Il prodotto, del valore commerciale di euro 3200 circa, veniva sequestrato amministrativamente e rigettato in mare per il ripristino del ciclo vitale.

     

    Nella stessa giornata, in collaborazione con personale del dipartimento di prevenzione dell’Ulss 3 Serenissima di Chioggia, veniva controllato e sanzionato amministrativamente un ristorante di Sottomarina, dove venivano rilevate carenze igienico sanitarie nei luoghi di stoccaggio degli alimenti, risultati essere in parte privi di documentazione attestante la tracciabilita’ di filiera e scaduti di validita’.

    Nello specifico, all’interno dei frigoriferi/congelatori e della dispensa venivano rinvenuti diversi alimenti tra i quali crostacei, molluschi, orate, sogliole, tonno, polpo etc., riposti in confezioni, imballaggi e contenitori privi di etichettatura attestante la loro origine/provenienza. Inoltre, tra gli stessi ve ne erano svariati con data di scadenza antecedente al controllo, come tonno pinne gialle, salmone, carni varie e prodotti lattiero-caseari.

    Infine, nel corso dell’ispezione venivano rilevate carenze igienico sanitarie, consistenti in una scarsa pulizia delle attrezzature da lavoro, muri e soffitto scrostati e arredo metallico arrugginito, in contrasto ai requisiti in materia di igiene previsti per le strutture, i locali e le attrezzature destinate alla lavorazione, preparazione e cottura dei cibi destinati al consumo umano.

    I prodotti alimentari non tracciati e scaduti di validità, aventi peso complessivo pari a 250 Kg e valore commerciale stimato in € 3.000, venivano sottoposti a sequestro amministrativo per il successivo smaltimento. Le sanzioni pecuniarie complessive, contestate al titolare, ammontano a € 5.800.

     

    Costante rimane anche il monitoraggio e la prevenzione ai reati in danno delle vittime vulnerabili.

     

    La Stazione di Chioggia, infatti, coadiuvata dal Nucleo radiomobile, ha arrestato, nella giornata del 9 dicembre, D.E., classe 1992, di Chioggia, per aver ripetutamente violato il provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e contemporaneo divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla coniuge a cui era sottoposto.

    Il giovane, censurato, è stato portato presso le camere di sicurezza della Compagnia di Chioggia, per comparire davanti al giudice nella giornata di ieri, che ha emesso nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere sino alla prossima udienza.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni