martedì, 6 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeSportCiclismo, inseguimento su pista: Liam Bertazzo vale oro ai mondiali

Ciclismo, inseguimento su pista: Liam Bertazzo vale oro ai mondiali

Banner edizioni

Il campione torna a casa, a Tribano. “Dalla delusione per Tokyo ho trovato la forza per ripartire e vincere”

Liam Bertazzo in Municipio a Tribano
Liam Bertazzo in Municipio a Tribano

Il tribanese Liam Bertazzo, dopo 24 anni di digiuno per l’Italia, ha conquistato la medaglia d’oro nell’inseguimento a squadre ai Mondiali su pista a Roubaix, la più prestigiosa disciplina del ciclismo su pista. Il titolo è stato conquistato dal quartetto composto anche da Filippo Ganna, Jonathan Milan e Filippo Consonni. Una bella soddisfazione per Liam che ha vissuto le Olimpiadi di Tokyo da riserva a seguito delle complicazioni avute alla schiena nei mesi precedenti. L’Italia è così tornata a vincere il Mondiale dell’inseguimento a squadre dopo 24 anni. Il quartetto azzurro, campione olimpico a Tokyo, ha completato i 4 chilometri in 3’47”192 battendo la Francia (3’49″168) sulla pista del “Vélodrome Jean-Stablinski” di Roubaix. Il sindaco di Tribano Massimo Cavazzana ha seguito da vicino Liam Bertazzo in questi mesi e l’ha incontrato al suo ritorno dalla Francia per congratularsi a nome di tutta la comunità e ringraziarlo per le emozioni che fatto vivere.

Liam, ancora emozionato commenta la vittoria: “Ho trasformato le delusioni di Tokyo in rabbia per poi raggiungere questo obiettivo. Tokyo è stata una trasferta molto pesante ma sono ripartito. Ringrazio il Sindaco per il sostegno e tutte le persone che hanno creduto in me. Nell’urlo della vittoria stanno i miei due anni di sofferenze, è stato bellissimo, ma il momento più bello è stato rivedere la mia famiglia felice perché mi ha sempre aiutato e mi è stata vicina. – aggiunge – L’alta prestazione è prima di tutto una questione di testa e si crea con anni di pratica e con infinita umiltà. Vedere passare le Olimpiadi di Tokyo da protagonista inattivo, aver sopportato lacrime e dolore, non avere mai mollato, da oggi ha un gusto diverso.”

Il Sindaco chiarisce dicendo: “Liam e l’esempio di chi sa trasformare gli imprevisti in occasioni, la paura in coraggio, il pericolo in sfida, la competizione in crescita personale e di squadra. L’amarezza, la rabbia e le lacrime per non aver pedalato alle Olimpiadi hanno lasciato spazio alla vittoria dei “Fantastici 4 e Liam è campione del mondo grazie alla sua umiltà, al suo coraggio, alla sua costanza, alla sua immancabile gentilezza e modestia, doti rare per un campione. Tutti noi tribanesi siamo orgogliosi per quello che ha fatto!”.

In questi giorni il sindaco Massimo Cavazzana e il vice sindaco e assessore allo sport, Vittorio Salin, stanno preparando una serata per festeggiare con tutta la comunità il titolo mondiale, per onorare Liam che grazie a questa vittoria ha fatto toccare le stelle ai tribanesi e a tutta la Nazione.

Cristina Lazzarin

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy