mercoledì, 18 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoRiviera del BrentaRiviera del Brenta: allarme droga fra i giovanissimi del comprensorio

    Riviera del Brenta: allarme droga fra i giovanissimi del comprensorio

    Banner edizioni

    Riviera del Brenta, Martellato: “scende l’età di chi ha una dipendenza da stupefacenti. Si è passati da una media di 15 – 16 anni ai 14 – 13 e in qualche caso 12 anni nell’uso delle droghe”

    Sempre più droga consumata da giovani e giovanissimi in Riviera del Brenta e nel Miranese. A lanciare l’allarme è Andrea Martellato assessore a Fiesso D’Artico e presidente della Conferenza dei sindaci dell’Ulss 3. Da quanto si rileva purtroppo l’età di chi fa uso di stupefacenti in maniera abituale negli ultimi 2 anni si è abbassata notevolmente anche se il numero di consumatori fra i minorenni è rimasto quasi stabile, anzi solo in leggero rialzo. I minorenni seguiti dai comuni e dalle autorità sanitarie sono poco più di 200.

    Riviera del Brenta, le dichiarazioni dell’assessore Martellato

    Martellato fa l’analisi della situazione nel dettaglio anche dopo un tragico fatto che ha visto la morte per sospetta overdose di un 19 enne a Pianiga a Padova. “La situazione in tema di consumo di droga fra i giovani della Riviera e del Miranese – sottolinea Martellatoè pesante. Nonostante l’impegno dei servizi sociali degli enti locali il numero da anni di minori che fanno uso di droghe, non scende. Scende invece l’età di chi ha una dipendenza da stupefacenti. Si è passati da una media di 15- 16 anni ai 14- 13 e in qualche caso 12 anni nell’uso delle droghe”. Martellato sottolinea che l’uso delle droghe fra i giovanissimi avviene inizialmente in gruppo. “Dopo alcuni ragazzi – spiega Martellato sviluppano una dipendenza forte e la droga cominciano a procurarsela da soli. Nel solo Comune di Fiesso D’Artico per esempio di minori in difficoltà, e
    abbiamo solo 8 mila abitanti, i servizi ne segnalano già 5”. Le droghe che usano i minori? Spesso pesanti. “I minori – spiega Martellato fanno presto a passare dalla marijuana e l’hashish all’eroina o la cocaina o alle droghe sintetiche. Per intercettare e spezzare queste dinamiche all’interno dei gruppi dei giovanissimi è necessario incrementare la presenza sul territorio degli
    operatori di strada”. E su questo versante fra Riviera e Miranese buone notizie sono attese nel 2022 già all’inizio dell’anno.

    Arriveranno con il prossimo anno 10 nuovi operatori di strada – assicura Martellato – Un 30 % in più dell’attuale organico. Sono una risposta buona ma non sufficiente. Ne servirebbero per i 17 comuni del comprensorio complessivamente almeno 20 in più”. Intanto non si fermano le operazioni di controllo e segnalazioni di giovani alle autorità da parte delle forze dell’ordine per uso di sostanze stupefacenti. I controlli vengono fatti dalle forze dell’ordine soprattutto nei fine settimana nelle aree dedicate alla movida come a Mirano, Noale, Mira o Dolo.
    Alessandro Abbadir

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni