venerdì, 21 Gennaio 2022
More
    Notizie
    HomeVenezianoMiranese SudTorna il Natale a Mirano

    Torna il Natale a Mirano

    Leaderboard

    Mirano, che torna ad accendere il Natale dopo lo stop provocato nel 2020 dal Covid.

    Un programma fitto di appuntamenti e iniziative, che torna dopo tanta attesa a riscaldare i cuori, in particolare quello pulsante della città, la sua piazza, e lo fa con formula piena: ci sarà tutto quanto ha deliziato i miranesi e non solo due anni fa, dalle luminarie alle casette in legno, dalla pista di pattinaggio sul ghiaccio ai mercatini dei sapori e dell’artigianato, dalla casetta di Babbo Natale alla Befana per allietare i più piccoli nel villaggio di Natale.

    Se non è normalità, poco ci manca. Grande sforzo da parte dei commercianti di Mirano, per quello che il loro capo delegazione, Roberto Rossato, ha definito “un ritorno in grande stile”, per il quale il gruppo si è speso molto, iniziando la promozione già all’inizio dell’autunno. Fondamentale per questo agognato ritorno il contributo e l’organizzazione di Confcommercio del Miranese e l’impegno economico del Comune di Mirano. Le due istituzioni hanno messo in campo ogni sforzo per ridare alla città uno dei suoi momenti più belli e apprezzati, soprattutto negli ultimi anni.

    Natale più atteso che mai dunque, proprio per la pausa forzata dello scorso anno e il messaggio lanciato ai miranesi è forte e chiaro: il distretto del commercio è pronto a ripartire con rinnovato smalto e fiducia e soprattutto non ha perso lo spirito d’iniziativa dei tempi migliori, investendo tempo e risorse per riproporre i tratti ormai tipici degli appuntamenti natalizi. Una manifestazione che, pandemia a parte, ha visto negli ultimi anni Mirano diventare il baricentro di iniziative capaci di attirare visitatori anche da fuori provincia.

    Format dunque da riprendere, ripetere e implementare. Partiamo dagli allestimenti: tornano le luminarie, finanziate del Comune, che abbelliranno le vie del centro storico e del viale commerciale di Mirano, ovvero via Gramsci, replicate dai negozianti su portici e vetrine e dal Comune con il grande albero illuminato in centro piazza. Sarà l’8 dicembre il grande giorno dell’accensione, con il countdown che, all’imbrunire, illuminerà l’intero centro e darà il via a un mese di appuntamenti. Alle 17.30 per l’accensione delle luminarie natalizie ci saranno anche le associazioni di volontariato per un dono alla città.

    Lo stesso giorno sarà forte l’attesa per l’arrivo di Babbo Natale, che giungerà a Mirano in grande stile, per poi dimorare per tutto il periodo delle feste nella sua casa di legno al centro dell’ovale, dove accoglierà i bambini ogni pomeriggio, il sabato e i festivi anche al mattino. Riceverà al mattino anche le scolaresche, che possono prenotarsi presso Confcommercio. Dal 26 dicembre fino al 5 gennaio poi, lascerà il posto ad un simpatico Elfo, che intratterrà i bambini fino all’arrivo della Befana.  Ancora appuntamenti da non perdere il giorno dell’Immacolata: con le luci e Babbo Natale arriveranno anche i primi mercatini, con i sapori della tradizione e l’artigianato natalizio, che daranno vita alla prima vera piazza delle feste.

    Si replicherà poi le due domeniche successive: il 12 dicembre torna il “Mercatino della fantasia”, con i prodotti dell’artigianato e tante idee regalo, insieme alle bancarelle di “Shopping Italiano”, mentre il 19 dicembre il tradizionale appuntamento mensile con il Mercatino dell’antiquariato e del collezionismo si vestirà a festa per il Natale con tante curiosità.

    Durante tutto il mese di dicembre, e soprattutto in concomitanza con questi appuntamenti, saranno aperti i negozi, le casette in legno (con orario 15.00 – 20.00 e nei festivi tutto il giorno) per fare gli acquisti nel segno della tradizione, assaggiare prodotti tipici del periodo e sorseggiare un aperitivo o una bevanda calda in compagnia, all’interno di un villaggio natalizio in stile tirolese, mentre in piazza Errera tornerà la pista di pattinaggio sul ghiaccio che sarà aperta fino al 6 gennaio, quando, in una nuova festa di piazza, arriverà a Mirano la Befana per consegnare a tutti i bambini presenti calze e dolciumi.

    Per oltre un mese le giornate a Mirano saranno scandite dalla magia e dalle atmosfere tipiche del Natale, con luci, addobbi e musiche (grazie alla filodiffusione in piazza) tipiche del periodo.

    Il Natale a Mirano 2021 è stato presentato questa mattina in Municipio.

    «Siamo felici – afferma la sindaca Maria Rosa Pavanello – di essere riusciti, in questo periodo complesso, a prevedere, condividere e finanziare un programma molto articolato per il centro storico: ci sono gli appuntamenti classici con il mercatino della fantasia, lo shopping e l’antiquariato, il coinvolgimento del volontariato e le luminarie che per tradizione accenderemo l’8 dicembre. Al centro della piazza troviamo il grande albero addobbato e il villaggio alberato allestito dal vivaista Emilio Fusati. Grazie alla collaborazione con Confcommercio non serve spostarsi da Mirano per trovare bellezza, calore e accoglienza».

    «Il programma di Mirano – dichiara Ennio Gallo, presidente Confcommercio del Miranese – è diventato un punto di riferimento per l’intero territorio. In questi dieci anni di amministrazione Pavanello la città è cresciuta grazie alle politiche che hanno mantenuto la piazza come luogo di aggregazione».

    «Finalmente torna il Natale – esulta Roberto Rossato, capo delegazione di Confcommercio a Mirano – abbiamo profuso ogni sforzo per organizzare, nonostante l’emergenza ancora in corso, un calendario di appuntamenti degno di questa piazza e di questa città. Vogliamo dare un messaggio forte, di speranza: la città è viva, i commercianti sono in prima linea per organizzare gli eventi e gli acquisti sotto casa sono sinonimo di qualità e fiducia. Vogliamo dire ai cittadini di approfittarne: il rilancio della piazza e del suo ruolo di socialità e ritrovo, che nell’ultimo anno ci è un po’ mancato, passa anche per questi appuntamenti».

    «C’è entusiasmo – conferma l’assessore alle Attività produttive del Comune di Mirano, Cristian Zara – perché il segnale di ripartenza che vogliamo dare è forte: dopo la sospensione dello scorso anno, c’è il desiderio di riprendere la strada là dove si era interrotta, visto anche il grande successo del Natale 2019. Vogliamo anzi, se possibile, alzare l’asticella, puntando sempre più in alto e per dare un vero segnale di speranza e desiderio di ripresa. Massimo sostegno e disponibilità, dunque, da parte del Comune, per un mese di appuntamenti che certamente sarà un successo, come avvenuto negli anni scorsi».

     

    Leaderboard

    Le più lette