venerdì, 27 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeBreaking News“Alla Provincia di Padova servono personale e risorse per i servizi”

    “Alla Provincia di Padova servono personale e risorse per i servizi”

    Banner edizioni

    L’intervista. Le considerazioni del presidente Fabio Bui all’inizio del suo nuovo mandato

    Fabio Bui alla presidenza della Provincia di Padova
    Fabio Bui alla presidenza della Provincia di Padova

    Con la convalida degli eletti e la comunicazione delle deleghe ai nuovi consiglieri avvenuta il 4 gennaio scorso si è ufficialmente insediato il consiglio della Provincia di Padova. Il presidente Fabio Bui ha consegnato le deleghe a 16 consiglieri, scelti nei consigli comunali del capoluogo e della provincia, che vengono eletti ogni due anni. Dal 2014 gli organi dell’Ente provincia non vengono più eletti dai cittadini: la riforma Del Rio aveva iniziato un processo di “snellimento” delle Province in attesa di una loro eliminazione. Invece in capo alla Provincia sono rimaste importanti competenze, scarso personale, incertezze legislative.

    “La Provincia è frutto di una legge nata male e applicata peggio”, dice il presidente della Provincia Fabio Bui. “Erano gli anni in cui si invocava la “rottamazione” e invece si è tentato di sopprimere l’unico ente che non costava e che serviva da coordinamento tra la Regione e i 102 comuni della Provincia. Sono state soppresse delle funzioni senza dire a chi sarebbero andate; non si può pensare che ai 108 chilometri di strade e 600 ponti della provincia siano gestiti da Venezia. E poi occorre un ente che faccia politiche territoriali: non possiamo avere una zona industriale in ogni comune. I comuni peraltro sono troppi, dobbiamo cominciare a dire che devono svolgere funzioni in forma associata e anche pensare alla fusione. Intanto dobbiamo costringere i sindaci a dialogare tra loro”. 

    Sarebbe meglio tornare all’elezione diretta, da parte degli elettori, di presidente e consiglieri della Provincia? 

    Bisognerebbe prevedere un forte potere dell’Assemblea dei sindaci, e poi l’elezione diretta del presidente, che dovrebbe avere una giunta. Oggi il presidente è l’unico con potere di firma e coordina 16 consiglieri con funzioni delegate, e siamo tutti “a doppio servizio”, sindaci o consiglieri nel nostro comune e poi gestiamo la Provincia. La mia giornata comincia alle 7 e mezza nel mio comune, fino a tarda mattinata, poi mi sposto a Padova per la Provincia, e a sera torno nel mio comune e passo in municipio prima di andare a casa. Un doppio lavoro, peraltro, non riconosciuto.

    Quali saranno le priorità di questo nuovo consiglio provinciale ? 

    La sistemazione e messa in sicurezza delle strade e dei ponti, scuole sicure ed efficienti; attenzione alla formazione professionale.

    A che punto siete con i progetti per i fondi del Pnrr ? 

    Con i progetti siamo pronti. Devo segnalare che ci manca il personale, la Provincia aveva 500 dipendenti oggi ne ha 200; abbiamo poco personale sulle strade dove c’è bisogno di moltissima operatività e manca il personale tecnico per far girare queste somme. Abbiamo bisogno di esperti che gestiscano tutte le fasi tecniche e realizzative dei progetti. Ce li contendiamo con i comuni, che hanno lo stesso problema. Ma senza personale specializzato rischiamo di non riuscire a spendere i soldi europei.

    Diego Buonocore

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni