sabato, 10 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeTurismo & SaporiBelluno, la ‘veneziana’ delle Dolomiti oggi riscopre i ‘miracoli’ di Buzzati

Belluno, la ‘veneziana’ delle Dolomiti oggi riscopre i ‘miracoli’ di Buzzati

Banner edizioni

Nel cinquantenario della morte del grande scrittore e giornalista, la città riscopre la sua casa e i sentieri di Val Morel a lui cari

Belluno
Belluno

Belluno, la città splendente. Il nome viene da Belo-dunum, definizione attribuitole dai Celti, per la bellezza del paesaggio che circonda il luogo. Oggi efficacemente condensato, nella comunicazione turistica in vista delle Olimpiadi invernali del 2026, nel marchio “Montagne di Venezia”. E’ una città dove si vive bene Belluno: ai primi posti della qualità della vita in Italia. Un riconoscimento ottenuto con discrezione, perché c’è un legame profondo fra Belluno e le sue montagne silenziose. Fra Belluno e il Piave, che sotto la terrazza rocciosa dove sorge il centro storico riceve le acque del torrente Ardo. Il fiume, all’epoca della Serenissima, fluitava fino a Venezia i tronchi destinati ad essere lavorati all’Arsenale, guidati abilmente dagli ‘zattieri’, un mestiere che in Italia non esiste più. C’è ancora il porto fluviale a Belluno: oggi è un caratteristico quartiere ricco di murales.

La casa natale di Dino Buzzati a Belluno
La casa natale di Dino Buzzati a Belluno

Belluno quest’anno celebra un anniversario importante: i 50 anni dalla morte di Dino Buzzati. Lo scrittore e giornalista del ‘Corriere della Sera’ – che nella sua terra ambientò alcuni dei suoi racconti fantastici, compreso l’ultimo “I miracoli di Val Morel” – nacque proprio a Belluno, in una villa di campagna di serena bellezza. Non si staccò mai da quel luogo e da quel mondo. Oggi la casa natale di Buzzati è ben tenuta dalla nipote Valentina Morassutti, che l’ha aperta a visite e iniziative culturali. Le radici del Buzzati scrittore e poeta sono qui, sotto l’ombra maestosa della Schiara, la montagna per antonomasia che egli imparò a scalare fin da bambino. Oggi la villa cinquecentesca è anche un bed and breakfast di charme e nell’ex granaio vengono ospitate diverse attività culturali. Nella cappella di famiglia c’è la lapide di Dino, ma non le ceneri, che pare siano state disperse dalla moglie tra le montagne. Un segreto mai svelato. A lui è dedicato anche un sentiero che parte da Giaon di Limana, dove si trovano le case affrescate da artisti ispirati ai suoi racconti, come il citato “I miracoli di Val Morel”. Della sua avita dimora ha scritto: “Questa è la casa dove sono nato, questi i prati dove ho imparato a camminare, le piante tra cui bambino ho combattuto le prime battaglie coi pellerossa…”.

Piazza dei Martiri, Belluno
Piazza dei Martiri, Belluno

Belluno ama farsi scoprire piano, rivelando atmosfere inaspettate. Percorrere i suoi portici e fermarsi davanti alle vetrine delle sue botteghe storiche, come la Torrefazione Bristot in via Rodolfo Psaro, è come tornare indietro nel tempo. Ci sono botteghe dove si fa la pasta, macellerie, osterie, pasticcerie. Tutte con le insegne di un tempo.

Ci sono tanti buoni motivi per visitare Belluno, città che è ancora molto ‘veneziana’ nelle architetture del centro. L’itinerario ideale inizia in piazza dei Martiri, oggi il salotto della città e luogo dell’aperitivo. I veneziani la chiamavano Campedèl e ha una Belluno, la ‘veneziana’ delle Dolomiti oggi riscopre i ‘miracoli’ di Buzzati Nel cinquantenario della morte del grande scrittore e giornalista, la città riscopre la sua casa e i sentieri di Val Morel a lui cari L’occasione giusta per conoscere uno dei capoluoghi italiani dove si vive meglio e che, oltre a monumenti e panorami, vuole rivelarsi attraverso le sue atmosfere, le sue vecchie botteghe e tradizioni antiche come quella degli ‘zattieri’ sul Piave Veneto La casa natale di Dino Buzzati a Belluno e il giornalista- scrittore scomparso cinquant’anni fa. Sotto: il Bus del Buson, la centralissima piazza Martiri nel cuore della centro storico e una veduta della città. Più sotto la caratteristica Porta Rugo di Renato Malaman strana forma ellittica. Dovuta alla posizione della bombarda posizionata su una delle torri del castello. La piazza oggi è intitolata ai quattro giovani partigiani che furono trucidati dai nazisti il 17 marzo 1945. Lungo la passeggiata poi si svelano le altre bellezze del centro: il Duomo di San Martino, il Palazzo dei Rettori, la Torre Civica, Porta Dojona, piazza del mercato, la chiesetta della Salute, Porta Rugo, la chiesa di Santo Stefano. Da vedere il sontuoso teatro comunale, Palazzo Fulcis con il suo ricco museo sull’arte delle spade, i chiostri e l’archivio di Stato nell’ex Scola dei Battuti. Suggestive le zone naturalistiche che circondano la città, primo fra tutti il Bus del Buson, una stretta gola da film Western di origine preglaciale, raggiungibile al termine di una camminata fra i faggi. Qui in origine scorreva l’Ardo. Il torrente ha scavato un canyon profondo, le cui pareti oggi sono un libro aperto di geologia.

Nei dintorni merita una visita il castello di Zumelle, la nobile Mel con il suo interessante e, naturalmente, l’aristocratica Feltre, con cui Belluno ha fieramente rivaleggiato nei secoli, ma che insieme costituiscono una destinazione turistica di grande valore. Feltre che richiede almeno una giornata di visita per esibire tutta la sua bellezza.

La gastronomia è ricca. Si val dal pastin (impasto di carne che in ogni angolo del bellunese ha declinazioni diverse) al caratteristico formaggio schiz, uno dei tanti tesori caseari delle latterie della zona. E poi l’immancabile polenta con il mais sponcio. Ci sono poi i radicchietti di montagna, la selvaggina (cervo in primis), i funghi, i fagioli di Lamon e i rari ‘gialet’. Un paniere ricco di cose buone, con la grappa della distilleria Le Crode di Quero che ripropone un antico metodo di distillazione.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy