venerdì, 27 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoChioggiaChioggia, i primi affondi dell’opposizione: “La maggioranza sente ma non ascolta”

    Chioggia, i primi affondi dell’opposizione: “La maggioranza sente ma non ascolta”

    Banner edizioni

    Dal Pd, al M5S a Obbettivo Chioggia: gli esponenti della minoranza manifestano i primi mal di panbcia relativi ai confronti sui temi caldi della città

    Municipio di Chioggia

    Il Consiglio Comunale clodiense, dopo le prime settimane di insediamento e la nomina ufficiale della squadra di assessori della Giunta, ha iniziato a pieno ritmo le proprie attività. Considerata l’indiscutibile qualità politica ed esperienziale dei consiglieri di opposizione, c’era non poca curiosità nel capire se il propositivo e collaborativo clima di inizio mandato targato Armelao sarebbe resistito di fronte ai primi “temi caldi” che riguardano l’amministrazione della città.

    Per ora sembra resistere una fase di studio dei partiti, anche se non sono mancati gli affondi di PD, M5S e Obbiettivo Chioggia per bocca dei propri rappresentanti

    Il sindaco non fa tesoro del lavoro che ha fatto il Partito Democratico in Regione per la città di Chioggia e invece di dire alla città metropolitana titolare delle tratte extraurbane e alla Regione Veneto che aumenti i contributi per il nostro ente di bacino e si concluda questa partita ormai annosa, preferisce bocciare la nostra mozione pur di non arrecare disturbo ai suoi colleghi di centrodestra nel chiedere più risorse per la nostra città”. La chiosa è quella di Jonathan Montanariello (Pd) in merito alla bocciatura di una mozione presentata dallo stesso e che chiedeva il coinvolgimento dell’ Associazione “Cittadinanza Attiva” nella richiesta di risorse finalizzate a realizzare il collegamento Chioggia-Ospedale dell’Angelo di Mestre via autobus.

    “Mal di pancia” dello stesso Consigliere erano arrivati anche per la gestione della viabilità di via Cicogna e Via Corner.

    Fa sentire la propria voce anche Alessandra Penzo, e lo fa su un tema che la aveva riguardata in prima persona durante l’esperienza di assessore della precedente Amministrazione: il nuovo parcheggio scambiatore di Isola dell’Unione.

    “Ormai da tempo i lavori di realizzazione del parcheggio scambiatore all’Isola dell’ Unione sono fermi. Alcuni video pubblicati nei social network evidenziano lo stato di abbandono nel quale verte il cantiere” sottolinea nella propria interpellanza la Penzo, che chiede all’Amministrazione tempi stimati per la fine lavori e come si intenda contrastare l’ ingresso di persone non autorizzate dentro lo stesso cantiere.

    Non poteva mancare la voce anche del M5S, che con le parole di Daniele Stecco se la prende con il bilancio di fine anno illustrato dal Presidente del Consiglio Comunale Boscolo Capon: “Come da sua abitudine, il Presidente fa delle sterili demagogie mostrando ai cittadini un banale confronto dei numeri di chi ha fatto più delibere,  giocando sull’ingenuità delle persone, in quanto si dovrebbe entrare nel merito delle delibere. Sembra quasi che per il Presidente contino di più le dimensioni anziché la qualità”.

    Stecco punta il dito sulle tempistiche dell’approvazione del bilancio di previsione e sul fatto che “… a fine anno si sa che arrivano molti provvedimenti predisposti durante l’anno per essere approvati prima di entrare nel regime provvisorio di bilancio e quindi se i primi due mesi dell’amministrazione Armelao possono sembrare più produttivi è perché gran parte del lavoro si è svolto nei mesi precedenti”.

    Dall’analisi dei primi mesi di operato, alcune scelte della maggioranza sono sembrate allineate con l’idea di “tirare dritto” sui temi più scottanti che riguardano Chioggia e il suo territorio. Basti pensare che nessuno della minoranza siede alla presidenza delle commissioni consiliari. Il messaggio sembrerebbe essere “siamo pronti ad ascoltare tutti, ma le decisioni restano in capo a noi”.

    Luca Rapacciuolo

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni