domenica, 14 Agosto 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenetoAttualitàConsiglio regionale del Veneto: no a distribuire i pazienti Covid in tutte...

    Consiglio regionale del Veneto: no a distribuire i pazienti Covid in tutte le terapie intensive della regione

    Banner edizioni

    L’aula di palazzo Ferro Fini ha respinto con 30 voti contrari a fronte di 8 sì la mozione presentata da Elena Ostanel (VcV) che sollecitava la Giunta a distribuire in modo equo, di concerto con le Ulss e i sindaci del territorio, i pazienti Covid in terapia intensiva tra tutte le strutture ospedaliere e assistenziali della regione, al fine di evitare che alcuni ospedali, come quello di Schiavonia nella Bassa Padovana, siano convertiti in via esclusiva a Covid Hospital, con l’effetto di ridurre i servizi ospedalieri di cura e assistenza agli abitanti d quel territorio.

    L’assessore alla sanità Manuela Lanzarin ha ribadito l’esigenza di dedicare alcune strutture, preferibilmente le più moderne, al ricovero esclusivo dei pazienti Covid: “Siamo in una situazione di emergenza. Mi auguro che a fine gennaio, quando la curva della quarta ondata potrebbe essere in flessione, possano essere ripristinate le funzioni dell’ospedale di Schiavonia. Nel frattempo assicuro che nessuna emergenza e nessun paziente sono stati lasciati indietro”, ha affermato Lanzarin.

    “Si poteva fare ricorso alle strutture sanitarie private convenzionate o alle nuove strutture sanitarie non ancora attivate dalla Regione, al fine di non sguarnire i diversi territori dei servizi sanitari primari”, ha replicato la vicepresidente della commissione Sanità Annamaria Bigon (Pd), fiancheggiata dai colleghi Francesca Zottis e Jonatan Montanariello del Pd e dal portavoce dell’opposizione Arturo Lorenzoni nel chiedere “maggior collaborazione con le strutture convenzionate” nella gestione della pandemia.

    Il capogruppo Alberto Villanova (Lega-Lv) ha invitato i rappresentanti dell’opposizione a evitare “errori di tipo organizzativo e di tipo sanitario”: “Distribuire i pazienti Covid in tutto il territorio bloccherebbe le attività chirurgiche in tutti i presidi – ha spiegato – E assegnare maggior peso alla sanità privata in Veneto sarebbe contradditorio con gli indirizzi di programmazione sanitaria perseguiti sinora”.  Posizione ribadita anche dalla collega di partito e presidente della commissione Sanità Sonia Brescacin,che ha ricordato come la partecipazione della sanità privata alla gestione dell’emergenza pandemica sia già un dato di fatto.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni