venerdì, 27 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaEnergia, Confartigianato chiede un soccorso del governo per sostenere i terribili aumenti

    Energia, Confartigianato chiede un soccorso del governo per sostenere i terribili aumenti

    Banner edizioni

    Cavion (Confartigianato): “Stiamo spiegando il dramma energia ma è come parlare al muro”

     

    I forti aumenti dei costi dell’energia elettrica stanno mettendo in seria difficoltà le imprese artigiane e quelle di piccole dimensioni. A livello governativo continuano gli annunci di nuovi interventi per abbattere il peso che le imprese stanno subendo da mesi, ma nel frattempo queste stanno vivendo una stagione piena di difficoltà dovuta a più fattori con l’aumento dei costi delle materie prime e con il non più sopportabile aumento dei costi energetici.

    Lo denuncia una nota della Confartigianato. “In questi ultimi mesi – spiega il presidente Gianluca Cavion – gli aiuti sono stati sostanzialmente riservati alle famiglie e alle imprese con meno di 16,5 kW di potenza disponibile. Ci si è dimenticati completamente di tutte le altre imprese artigiane o di piccola dimensione che mai come oggi stanno soffrendo una situazione che rischia davvero di far saltare questo nostro sistema. Certo, apprezziamo gli interventi governativi, ma non sono assolutamente sufficienti. Le nostre aziende sono stremate e gli artigiani chiedono interventi importanti e imponenti. Ogni giorno ricevo telefonate dai nostri soci che esprimono la loro difficoltà nel continuare il lavoro”.

    Mentre a Roma parlano e decidono con troppa lentezza, noi stiamo vivendo una situazione mai vista. Cosa possiamo dire ai nostri soci che in questi giorni hanno cominciato a capire che l’elettricità aumenta del 55% e il gas del 41,8% rispetto all’ultimo trimestre del 2021? Quali aiuti sono stati riservati agli imprenditori che hanno una potenza disponibile superiore 16,5 kW? Nessuno. Mettendo a disposizione le competenze e le conoscenze del nostro consorzio di acquisto di energia e gas abbiamo spiegato in più sedi, da quella del governo regionale a quella parlamentare, qual è la situazione delle nostre aziende e l’impatto che subiranno nei prossimi mesi. Nelle nostre simulazioni, i costi dell’elettricità di una carrozzeria passano da 3.285 euro l’anno a 11.444 euro; una piccola azienda della ceramica passa da 1.798 euro a 6.372 euro e, per il gas, da 3.488 euro a 16.000 euro; per non parlare di un caseificio che passerà per l’energia elettrica da 42.225 euro a 160.864 euro, oppure di un molino per la farina che andrà da 28.274 euro l’anno a 101.737. Tali fattispecie sono già state segnalate alla Regione con le evidenze delle maggiori criticità per settore. La lista potrebbe essere infinita e, dopo mesi di confronti e dibattiti, nonostante i nostri segnali e le nostre informazioni su quanto stava succedendo, ancora non arrivano interventi pesanti”.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni