mercoledì, 18 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomePadovanoPadovaPadova, inaugurato oggi il nuovo complesso di Social Housing

    Padova, inaugurato oggi il nuovo complesso di Social Housing

    Banner edizioni

    Fondo Veneto Casa: inaugurato oggi il nuovo complesso in Social Housing di Via Vergerio a Padova, integralmente dedicato alla locazione a canone convenzionato

    È stato inaugurato oggi il nuovo complesso residenziale di Via Vergerio, a Padova, frutto della riqualificazione dell’ex sede cittadina dell’Agenzia delle Entrate e destinato alla locazione a canone calmierato. Le due palazzine oggetto di intervento sono parte del Fondo Veneto Casa (FVC), gestito da InvestiRE SGR (Gruppo Banca Finnat) e partecipato da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, da CDP Immobiliare SGR – per conto del Fondo Investimenti per l’Abitare (FIA), da Regione Veneto, Banca Intesa Sanpaolo e Fondazione di Venezia.

    Obiettivo del fondo, destinato a iniziative di Social Housing, è l’incremento dell’offerta di alloggi sociali per la locazione a canoni calmierati, anche grazie a partnership pubblico-private attivate ad hoc e alla collaborazione con operatori del terzo settore radicati sul territorio. Ad oggi il fondo ha allocato risorse per un totale di circa 100 milioni investite sul territorio veneto.

    L’iniziativa di Via Vergerio, promossa dalla SGR, ha visto la completa riqualificazione di immobili che, a seguito del trasferimento dell’Agenzia delle Entrate, sono rimasti per lunghi anni chiusi e privi di funzione, innescando un progressivo fenomeno di degrado dell’area e creando situazioni di possibile disagio abitativo.

    Attraverso l’intervento di rigenerazione urbana, condiviso nelle varie fasi con l’Amministrazione Comunale e con i rappresentanti dei residenti, sono state realizzate 33 nuove unità residenziali da destinare principalmente alle giovani coppie e agli anziani. La Convenzione stipulata con il Comune di Padova prevede canoni di locazione calmierati e la definizione di fasce di reddito atte a favorire l’insediamento di nuclei familiari che faticano a trovare alloggi adeguati attraverso il mercato libero.

    Le assegnazioni avverranno tramite un avviso in fase di pubblicazione, previa verifica dei requisiti e con il supporto del gestore sociale selezionato dalla proprietà per garantire il corretto mix sociale e abitativo della futura comunità di residenti, sostenendone la nascita e il consolidamento. La proprietà ha selezionato come soggetto gestore del complesso la Cooperativa Città So.la.re, già attiva su altre iniziative del Fondo.

    Il progetto è stato seguito dallo Studio Archipolis di Padova, mentre i lavori sono stati realizzati dall’impresa Cev di Treviso. La scelta di soluzioni impiantistiche innovative, un’attenta selezione dei materiali e la totale coibentazione e restauro dell’involucro esterno, hanno consentito di raggiungere elevate prestazioni energetiche e ambientali, riducendo in media di cinque volte i consumi rispetto al fabbricato di partenza.

    Di seguito le dichiarazioni rilasciate da alcuni dei referenti dei soggetti che hanno promosso il progetto:

    Questo intervento è un esempio concreto che mira all’inclusione sociale, uno degli obiettivi che il nostro ente persegue da sempre.” ha commentato Gilberto Muraro, Presidente di Fondazione Cariparo. “È un progetto che non si limita a rendere accessibile una soluzione abitativa a prezzo calmierato per i nuclei familiari a basso reddito, ma ha cura di tutti quegli aspetti sociali che possono incrementare significativamente la qualità dell’abitare. Senza tralasciare gli aspetti di sostenibilità ambientale e di rigenerazione urbana. Un ottimo esempio, infine, di come pubblico e privato possano fare sinergia e ottimizzare le risorse realizzando un’iniziativa virtuosa per il territorio e i suoi cittadini”.

    L’iniziativa rientra nell’attività del Fondo Veneto Casa, fondo avviato nel 2009 e destinato principalmente all’investimento in progetti di social housing come appartamenti locati a canone e prezzo calmierati nel territorio della Regione Veneto, anche tramite partnership con operatori locali provenienti in special modo dal mondo cooperativo” ha dichiarato Paolo Boleso, Head of Residential & Social Infrastructure di InvestiRE SGR (Gruppo Banca Finnat). “I progetti a reddito mostrano tassi di occupazione di circa il 95% ed entro giugno 2023 il Fondo avrà un patrimonio dotato di oltre 650 unità abitative (550 appartamenti + 100 posti letto in student housing) volto a soddisfare le esigenze abitative di circa 2.200 persone grazie a progetti adeguatamente allocati nelle principali province venete ha concluso Boleso.

    Sono molto soddisfatto dell’intervento di social housing che inauguriamo oggi. Abbiamo ottenuto vari risultati di rilievo; innanzitutto il recupero secondo standard di grande qualità di questo immobile che fino ad alcuni anni fa ospitava la Agenzia delle Entrate e che era inutilizzato da anni con il rischio che si innescassero fenomeni di degrado, poi abbiamo realizzato un moderno complesso residenziale destinato al social housing che risponde alle richiesta di alloggio di giovani coppie e anziani con un reddito troppo elevato che li esclude dalle graduatorie delle edilizia residenziale pubblica ma allo stesso tempo non sufficiente a trovare appartamenti adatti sul libero mercato. E’ un segmento del mercato immobiliare molto importante per le ricadute sociali che sottointende e che grazie all’impegno di Fondo Veneto Casa, gestito da InvestiRE SGR e sostenuto da Fondazione Cariparo, CDP Immobiliare SGR, Banca Intesa San Paolo e Fondazione di Venezia ha una su prima importante risposta” afferma Antonio Bressa, Assessore all’Edilizia Privata del Comune di Padova. “Giovani e in particolare le giovani coppie e anziani sono le categorie sociali più fragili nell’affrontare il libero mercato immobiliare, e come Amministrazione abbiamo voluto fortemente sostenere questa iniziativa, perché pensiamo che il nostro compito sia proprio quello di intervenire a tutela dei cittadini là dove i meccanismi del mercato creano degli squilibri difficili da superare”.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le notizie più lette di Padova

    Banner edizioni