venerdì, 27 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoVeneziaVenezia, Brugnaro: "rivedere i parametri PNRR"

    Venezia, Brugnaro: “rivedere i parametri PNRR”

    Banner edizioni

    Da Venezia una voce unita per chiedere al Governo di rivedere i parametri per il finanziamento dei progetti degli Enti locali legati al PNRR

    Brugnaro: “Noi sindaci sempre leali ma non possiamo accettare che il territorio veneziano sia escluso”

    Il Sindaco della Città Metropolitana di Venezia Luigi Brugnaro ha annunciato che, durante il Consiglio metropolitano che si terrà martedì 18 gennaio 2022, sarà presentata una mozione unitaria con la quale si chiede al Governo una diversa definizione dei criteri e delle modalità di assegnazione degli stanziamenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) stabiliti, anche in accordo con la Conferenza Stato – Città ed Autonomie locali.

    Inoltre il Consiglio metropolitano di Venezia e la Conferenza dei Sindaci daranno sostegno alla richiesta avanzata da ANCI Nazionale e dalle diverse ANCI regionali, con la quale si è sottolineata la necessità di integrare le risorse messe a disposizione dal PNRR per gli Enti locali con un ulteriore stanziamento di circa 900 milioni al fine di finanziare tutti i progetti risultati ammissibili ma non finanziati.

    “La rigenerazione urbana, il recupero di edifici abbandonati e di terreni urbani in disuso rappresentano gli obiettivi fondamentali per rafforzare l’inclusione, la coesione sociale e sono la grande sfida che dobbiamo affrontare per un territorio sempre più ecosostenibile – commenta il Sindaco Luigi Brugnaro facendosi portavoce di tutti i 44 sindaci dei Comuni della Città Metropolitana di Venezia -.

    Partendo da questo presupposto, non possiamo rimanere in silenzio nel constatare che secondo i dati pubblicati dal Ministero dell’interno, su un totale di 2.418 progetti presentati e di 2.325 opere ammesse, l’elenco delle opere finanziate è di 1.784 unità in soli 483 Enti locali beneficiari. Non solo: emerge infatti che su 541 progetti ammessi ma non finanziati, a causa della pedissequa applicazione dell’indice di vulnerabilità sociale e materiale IVSM di ISTAT, vi sono tutti i progetti presentati dai Comuni della Città Metropolitana di Venezia, per un totale di 63.466.404 euro suddivisi in 39 ambiti di intervento di 14 diversi Comuni veneziani. Da qui nasce il forte appello al Governo, ma anche ai diversi gradi di rappresentanti del nostro territorio, affinché si arrivi a dare proporzionalità e ragionevolezza alla ripartizione dei Fondi, e, soprattutto, di integrare le risorse disponibili per progetti di rigenerazione urbana con l’obiettivo di trovare la copertura economica di tutti quelli ammessi e non finanziati. In un momento di difficoltà legato alla pandemia che trasversalmente sta colpendo l’intero Paese non è possibile accettare che vi siano evidenti e lampanti disparità, specie quando ci sono progetti pronti e cantierabili. Noi sindaci  – prosegue Brugnaro – siamo e sempre saremo il legame forte che esiste tra cittadini e Stato centrale. Lo siamo soprattutto ora in un momento dove l’unità nazionale è fondamentale nel riuscire a sconfiggere definitivamente la pandemia e rilanciare il Paese. In questi giorni sto proseguendo con importanti interlocuzioni con rappresentanti del Governo e con alcuni Parlamentari: resto pertanto fiducioso che questa mozione di buon senso – condivisa e sostenuta della Conferenza dei 44 Sindaci metropolitani – trovi un positivo riscontro e venga accolta”.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni