venerdì, 1 Luglio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoVeneziaMarketing turistico condiviso per 10 comuni tra Treviso e Venezia

    Marketing turistico condiviso per 10 comuni tra Treviso e Venezia

    Banner edizioni

    Al via la collaborazione per il marketing turistico condiviso tra 10 comuni a cavallo tra le due province di Treviso e Venezia

     

    Dieci Amministrazioni Comunali, a cavallo tra le due province di Treviso e Venezia coinvolte, circa 850.000 presenze turistiche all’anno (nel 2019 anno pre-Covid), un bacino di circa 135.000 abitanti ed una superficie complessiva di circa 280 km quadrati.

    In sintesi, questi i numeri rappresentativi dei 10 Comuni – Casale sul Sile, Casier, Marcon, Mogliano Veneto, Monastier di Treviso, Preganziol,  Quarto d’Altino, San Biagio di Callalta, Silea, Zero Branco – che hanno firmato congiuntamente un Atto di Intenti volto alla realizzazione di azioni condivise per il marketing territoriale turistico, in base a quanto previsto dalla Legge Regionale n. 11 del 2013 per lo “Sviluppo e la sostenibilità del turismo veneto”.

    Da un punto di vista geografico l’area coinvolta si caratterizza come cerniera tra la laguna di Venezia e il trevigiano, ad elevato flusso turistico, quindi meritevole di interventi di progettazione e pianificazione per il marketing territoriale turistico.

    Un territorio caratterizzato dalla presenza di numerose ville venete di epoca palladiana, attraversato dal fiume Sile che ne bagna le due province per poi sfociare nella laguna, ricco di piste ciclabili e sempre più attraversato da itinerari cicloturistici  che gli conferiscono un’enorme potenziale, visto lo sviluppo, nell’ultimo decennio, di questo settore ormai non più di nicchia. Senza dimenticare i siti archeologici di epoca romana e preromana, oltre all’enogastronomia che fa del radicchio uno dei suoi elementi di punta.

    L’Atto di Intenti congiuntamente firmato è finalizzato a verificare la sussistenza dei presupposti per la creazione di una nuova Organizzazione di Gestione della Destinazione (OGD), organismo previsto proprio dalla richiamata legge regionale.

    Alcuni dei comuni firmatari non appartengono a nessuna delle sedici OGD nate in questi anni a partire dall’adozione della legge regionale sul turismo, altri, invece, ritenuta marginale la loro presenza in OGD già costituite (OGD Riviera del Brenta e Terra del Tiepolo e OGD Jesolo – Eraclea), confluiranno nella OGD nascente nell’eventualità si concretizzi e si arrivi all’obiettivo finale, per valorizzare al meglio le potenzialità turistiche dei propri territori.

    Il progetto è solo all’inizio di un percorso stimolante, durante il quale si ha l’intenzione di coinvolgere altre amministrazioni locali, realtà pubbliche e private, commerciali ed associative, col fine di dimostrare che turismo e cultura possono essere un volano economico che nel medio e lungo periodo, attraverso una serie di azioni concertate tra tutti i portatori di interesse, avrà una ricaduta economica positiva sull’intera area.

     

     

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni