sabato, 20 Aprile 2024
HomeLa Piazza 2030Ca’ Farsetti viaggia sugli autobus a idrogeno: la sfida della città più...

Ca’ Farsetti viaggia sugli autobus a idrogeno: la sfida della città più antica del mondo

Tempo di lettura: 3 minuti circa

La scelta lagunare. Oltre 87 milioni di euro dal Pnrr per la rivoluzione green del trasporto pubblico

Trasporto pubblico a idrogeno
Trasporto pubblico a idrogeno

Sempre meno in auto, sempre più con i mezzi pubblici. A patto però che la rivoluzione verde riguardi anche le flotte degli autobus urbani. Ci ha pensato anche il Comune di Venezia che, dopo avere già introdotto da tempo i vaporetti ibridi, a febbraio ha deciso di attingere ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza per rinnovare in modo massiccio il parco veicoli dei servizi di trasporto pubblico locale. Saranno 123 i nuovi autobus acquistati: 90 a idrogeno, 33 elettrici. Il tutto avverrà entro il 30 giugno 2026. La sfida della città più antica del mondo, candidata a capitale mondiale della sostenibilità, è partita.

“Venezia guarda al futuro e dimostra di cogliere le occasioni messe a disposizione dal Pnrr per dare un ulteriore chiaro segnale di ammodernamento e di tutela dell’ambiente”, ha affermato il sindaco Luigi Brugnaro spiegando la decisione della giunta di Ca’ Farsetti, che definisce “un segnale tangibile di quanto ci stiamo impegnando per la transizione ecologica nel nostro territorio”.

La cifra messa a disposizione dallo Stato a copertura dell’intera operazione è notevole: oltre 87 milioni di euro (87.451.102 euro, per la precisione) per puntare alle emissioni zero anche nel capoluogo lagunare. Una prima tranche “obbligatoria” di 33 nuovi mezzi ecologici sarà acquistata e messa in servizio entro la fine del 2024. Sedici autobus a idrogeno e 17 elettrici. L’acquisto spetterà ad AVM Spa, l’azienda veneziana della mobilità che è stata identificata come soggetto attuatore dell’intera operazione green, che per andare sul mercato e rinnovare la flotta potrà contare complessivamente su 77,75 milioni di euro. “Sarà necessario realizzare le infrastrutture dedicate alla ricarica dei mezzi elettrici presso i depositi e un nuovo sistema di distribuzione dell’idrogeno per un investimento complessivo di circa 9,7 milioni di euro”, spiega l’assessore alla mobilità Renato Boraso. Nel mentre che il nuovo impianto viene realizzato, i nuovi autobus acquistati entro il 31 dicembre 2024 utilizzeranno il distributore che Eni sta ultimando a San Giuliano. Gli impianti per il rifornimento di idrogeno per autotrazione sono in fase di collaudo e la stazione, già riaperta da alcune settimane dopo essere stata ricostruita completamente, entro la fine di questo mese riceverà le certificazioni e le autorizzazioni da parte degli enti competenti per essere la prima in Italia per il rifornimento di idrogeno in ambito urbano e aperta a tutti, con due punti di erogazione, uno per autoveicoli e mezzi pesanti e uno dedicato agli autobus. Non solo: la stazione di Mestre ha anche una colonnina di ricarica elettrica con due postazioni, con la possibilità di ricaricare contemporaneamente un veicolo in corrente continua a 50 kW e un veicolo in corrente alternata a 22 kW.

Tornando agli autobus, la scelta “mista” a prevalenza di alimentazione a idrogeno intrapresa da Venezia si discosta da quelle fatte o annunciate dagli altri capoluoghi di provincia del Veneto, che stanno rinnovando il proprio parco mezzi del servizio di trasporto pubblico puntando quasi esclusivamente sull’elettrico. “La soluzione dell’idrogeno è – spiega Boraso – più idonea nel medio termine nell’andare incontro alle modalità di effettuazione del servizio urbano, consentendo ai mezzi di avere un’autonomia di viaggio coerente con la lunghezza media di impiego quotidiano dei mezzi urbani in servizio nella terraferma veneziana”.

Del resto l’amministrazione Brugnaro non ha mai sdegnato l’elettrico. Tanto che al Lido e a Pellestrina tutti i bus in servizio sono stati già da tempo sostituiti proprio con mezzi elettrici di ultima generazione. “Un’esperienza positiva”, la definisce l’assessore al bilancio e alle società partecipate Michele Zuin, sottolineando come la città abbia compiuto un significativo passo in avanti verso una mobilità urbana sostenibile e a impatto zero “che porterà non solo benefici all’ambiente ma anche la vivibilità in tema di minori emissioni sonore dei mezzi”. 

Sara Salin