domenica, 29 Gennaio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenezianoCavarzereCavarzere manifesta la sua solidarietà alla comunità ucraina

Cavarzere manifesta la sua solidarietà alla comunità ucraina

Banner edizioni

Cavarzere. Scendono in piazza lo scorso 28 febbraio cittadini e associazioni per dire “No alla guerra”. Non mancano tuttavia le polemiche circa le modalità dell’organizzazione

Una manifestazione per la pace in Ucraina, anche a Cavarzere si scende in piazza per dire: “No alla guerra”. L’amministrazione comunale, le Organizzazioni sindacali, lo Spi-Cgil, l’Auser e tutte le Associazioni e i cittadini hanno preso parte all’iniziativa che si è svolta nel pomeriggio dello scorso 28 febbraio in piazza del Municipio per protestare contro l’invasione russa in Ucraina e contro tutti i focolai di guerra nel nostro pianeta.

“La guerra è uno schifo, sempre!” ha commentato il sindaco Pierfrancesco Munari sulla sua pagina Facebook.

Nel corso della manifestazione il primo cittadino si è rivolto alla cittadinanza e alla comunità ucraina per esprimere la solidarietà di Cavarzere.

“Cavarzere – ha detto – ha offerto e offrirà supporto, accoglienza e aiuto!”.

Anche l’assessore Ilaria Turatti, Giuseppe Bergantin dello Spi Cgil, Liana Isipato, Paola Garbin e Luigina Badiale hanno manifestato la loro vicinanza al popolo ucraino. Sono intervenute le donne della Comunità ucraina per chiedere di scongiurare che altre persone perdano la vita in questo conlitto. Sono stati distribuiti fiori alle donne e ai bambini presenti.

Una manifestazione che alla vigilia aveva suscitato anche qualche battibecco tra esponenti della maggiorannza e l’opposizione relativamente all’organizzazione.

“Che orario infelice, per chi lavora è impossibile essere presente” aveva commentato la consigliera del Pd Heidi Crocco lamentandosi della scelta di organizzare alle 15 del pomeriggio la manifestazione. A rispondere è stata l’assessore Ilaria Turatti che ha dato così il via ad un botta e risposta tra le due parti. “Ci è stato chiesto dalla comunità ucraina – ha scritto, da parte sua, Turatti – Chi non riesce ad esserci può comunque fare un minuto di silenzio.”

“Una manifestazione si organizza intanto per tempo e non pubblicando l’evento oggi per domani – le ha risposto  Crocco – è nell’interesse di tutti che sia fortemente partecipata altrimenti non avrebbe senso. Io ci tenevo in maniera particolare ma per motivi di lavoro, come tante altre persone, non ci sarò. Farò un minuto di silenzio come mi hai consigliato e parteciperò alla manifestazione di Chioggia che è stata pensata per tutti ed organizzata di sabato pomeriggio”.

“Non è detto che sia l’unica manifestazione che facciamo  – le ha replicato Turatti – quindi ti aspettiamo e faremo tesoro dei tuoi consigli e per questo ti ringrazio. L’organizzazione non è solo dell’amministrazione, che logicamente ha dato la sua approvazione ad organizzarla insieme ad altre associazioni. Abbiamo pensato di cercare e agevolare la comunità ucraina, la cui presenza sia di rispetto a loro ed ai loro parenti che, a differenza nostra, non si lamentano per orari, green pass ed altro. Quindi, per la prossima manifestazione, cercheremo di organizzarla per tempo così noi tutti possiamo essere presenti. Spero di aver chiarito questa inutile polemica”.

“Ogni osservazione è vista come inutile polemica. Spero che sia una bella giornata gremita di cavarzerani contro la guerra, questo è l’importante” è stata la Crocco.

Sono sorte anche altre polemiche contro il green pass e la mancanza di citazione di alcune sigle sindacali. Il sindaco Pierfrancesco Munari ha dunque risposto: “E’ fantastico come una manifestazione contro la guerra sia motivo per protestare per green pass, arrivando addirittura ad augurare di morire a tutti, per orari che non vanno bene a tutti, per una sigla mancante in un volantino ecce cc. Mah…”

Benedetta Cesaro

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Venezia

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy