mercoledì, 8 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomePadovanoPadova NordCurtarolo, Cadoneghe e Vigodarzere: parte del progetto Adapt

Curtarolo, Cadoneghe e Vigodarzere: parte del progetto Adapt

Banner edizioni

Il progetto Veneto Adapt abbraccia un vasto territorio urbano della regione Curtarolo, Cadoneghe e Vigodarzere: “Casi di studio” del climate change

Curtarolo

Curtarolo e il suo territorio sotto la lente di studi sul clima. Il Comune, infatti, è tra quelle realtà che saranno oggetto di indagine e approfondimento nell’ambito del progetto Veneto Adapt.

La ricerca si propone dii propone di individuare e sperimentare metodi e strumenti operativi per un’Europa più resiliente ai cambiamenti climatici. In questo grande lavoro di studio è stato coinvolto un grande bacino fatto di ambienti e non solo che riguarda una “conurbazione” di circa 3,5 milioni di abitanti formata dai territori della Città metropolitana di Venezia e dei Comuni di Padova, Treviso, Vicenza e poi proprio tre Comuni del padovano, vale a dire Curtarolo, Cadoneghe e Vigodarzere.

Sette le azioni di adattamento climatico individuate. In questi giorni il “metodo Veneto Adapt” e gli strumenti concreti per ottimizzare e rendere più efficace la capacità di risposta dei territori ai fenomeni estremi, sono stati trascritti in linee guida replicabili, che saranno al centro di presentazioni a livello locale nei prossimi mesi.

“Cop26, la conferenza internazionale sul clima ha posto una serie di indicazioni e obiettivi, tanti e ambiziosi. Ma cosa possono fare le città, piccole o grandi, o i piccoli Comuni per affrontare la sfida del climate change? – spiegano gli amministratori comunali -. Sono ancora sotto gli occhi di tutti le immagini di alberi sradicati, di tetti scoperchiati dal vento anche a Curtarolo com’è accaduto l’estate scorsa, bombe d’acqua che allagano intere zone. Le città sono chiamate devono adattarsi per non soccombere di fronte al cambiamento climatico. Dove e come realizzare un parco pubblico diventa allora questione di amministratori pubblici, di comitati di quartiere, ma anche di pianificatori ambientali. L’integrazione tra la città e i suoi spazi verdi rappresenta un punto da cui partire. Il progetto ha messo in evidenza la necessità di ridisegnare le politiche di gestione e pianificazione urbana, abbandonando l’approccio emergenziale, modificando priorità e obiettivi, per fornire una risposta alla crescente richiesta di sicurezza rispetto ai fenomeni climatici”.

Il Progetto Veneto Adapt, prima d tutto, ha sviluppato un metodo operativo per ottimizzare e rendere più efficace la capacità di risposta dei territori ai fenomeni estremi. Un percorso che ha coinvolto il Veneto Orientale e ha visto lavorare in sinergia città e Comuni con il supporto tecnico di Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, Università IUAV di Venezia e Sogesca srl e la collaborazione di Arpav Veneto. Grazie al progetto sono stati redatti e approvati 39 nuovi Piani d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC): veri e propri strumenti di programmazione che porteranno i comuni coinvolti anche al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni, come indicati dal Patto dei Sindaci.

(e.r.)

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime notizie della provincia di Padova

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy