mercoledì, 30 Novembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenetoAttualitàGuerra in Ucraina, Lorenzoni: “Il Veneto sente vicina questa tragedia, ma non...

Guerra in Ucraina, Lorenzoni: “Il Veneto sente vicina questa tragedia, ma non si dimentica degli altri”

Banner edizioni

Veneto. Conflitto russo-ucraino, le parole del portavoce dell’opposizione in consiglio regionale, Arturo Lorenzoni: “Non esistono colori politici in queste situazioni, i veneti lo hanno dimostrato eccezionalmente”

Arturo Lorenzoni

Arturo Lorenzoni, portavoce dell’opposizione in Consiglio Regionale, nella tragedia della guerra, “sempre una avventura senza ritorno, per di più così vicina a casa nostra”, ammonisce che “non esistono colori politici o distinguo, questo i cittadini veneti lo stanno dimostrando in maniera eccezionale”.

Infatti, a differenza di altre occasioni, ora tutti parlano di accoglienza dei profughi. Come valuta questo cambio di rotta?

“Questa guerra ci sta colpendo come un tragico evento che si consuma nella nostra casa europea, la sentiamo molto vicina e questo sta scatenando delle reazioni positive e di solidarietà, perché si riconosce l’ingiustizia profonda di questa aggressione. Assistiamo ad una mobilitazione generale, associazioni che stanno cercando di coordinare al meglio sia gli aiuti che l’accoglienza, le Diocesi che si sono mosse velocemente”.

Ma non c’è il rischio di dimenticarsi degli altri?

“Il rischio c’è sempre, ma quanto sta accadendo in Ucraina lo sentiamo molto vicino a noi. Nel mondo però ci sono 70 Paesi che stanno vivendo situazioni di guerra, pensiamo a quanto sta succedendo in Etiopia. Eppure la nostra risposta non è la stessa per tutti. Non è giusto, non dovrebbe accadere ma è umano. Non voglio giustificare chi è indifferente o lontano ma abbiamo anche dei meccanismi di difesa che ci portano fuori da certi drammi. Sta a noi poi evitare che vi siano profughi di serie A o di serie B e mettere da parte certe divisioni”.

Cosa può fare il Veneto ora?

“Noi veneti siamo fortissimi, la rete di solidarietà che gravita intorno alle reti associative e del terzo settore è efficientissima, lo abbiamo visto in tutte le occasioni di crisi, quando si mette in modo la macchina della solidarietà e dell’accoglienza. Ricordo che a Padova durante la raccolta vestiti per migranti delle isole dell’Egeo abbiamo dovuto dire basta, le persone rispondono di fronte ai bisogni e ne abbiamo prova anche adesso. Anche l’Europa esiste, c’è un senso di solidarietà europeo che in questi giorni sta emergendo, ci si sente parte di una stessa casa, uniti anche dal condividere quello che abbiamo. Ci auguriamo solo che tutto questo possa finire presto”.

L’altra conseguenza diretta della guerra è la crisi energetica. Come affrontarla?

“Nell’immediato si dovrà intervenire a livello europeo per calmierare i prezzi, a partire da quello del gas che ha raggiunto livelli insostenibili. Nell’emergenza ben vengano gli interventi governativi coordinati su scala europea, però dobbiamo darci delle risposte strutturali e su questo possiamo fare tanto. Dobbiamo ridurre il livello del rischio energetico favorendo tantissimi interventi di efficienza energetica, nelle imprese e nelle abitazioni”.

Nicola Stievano

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy