venerdì, 1 Luglio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoBassanoLa Finanza sequestra 63mila filtri e cartine per sigarette ad Asiago, Trissino...

    La Finanza sequestra 63mila filtri e cartine per sigarette ad Asiago, Trissino e Thiene

    Banner edizioni

    L’operazione contro il materiale per sigarette venduto sottobanco è del gruppo di Bassano della Finanza

    Una parte del materiale sequestrato dalla Finanza

    Sequestrate dalla Finanza oltre 63 mila cartine e filtri per sigarette messe in vendita senza autorizzazione. Il sequestro è avvenuto in rivendite di Asiago, Thiene e Trissino.

    I militari del Comando Provinciale di Vicenza, nei giorni scorsi – dice una nota della Guardia di Finanza – nel corso di un’attività di polizia economico-finanziaria volta al contrasto dei traffici illeciti e incentrata alla verifica della corretta applicazione della normativa riguardante la vendita di accessori per tabacchi da fumo, hanno posto l’attenzione investigativa nei confronti di imprese, esercenti l’attività di empori e negozi non specializzati di prodotti non alimentari, con unità locali ad Asiago, Thiene e Trissino.

    In particolare, le Fiamme Gialle del Gruppo di Bassano del Grappa e delle Tenenze di Asiago e Thiene, a seguito delle modifiche apportate dalla legge di bilancio del 2020 che, introducendo un’imposta di consumo sui prodotti accessori ai tabacchi da fumo, consente la loro commercializzazione esclusivamente alle rivendite autorizzate in possesso di specifica licenza rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli, hanno sequestrato, in via amministrativa, oltre 63.000 articoli tra filtri e cartine per sigarette, posti in vendita in assenza delle necessarie autorizzazioni.

    Due finanzieri mostrano il materiale sequestrato: per gli esercenti in arrivo multe per 6000 euro

    Apposite attività di intelligence della Finanza, realizzata con mirati servizi di osservazione e controllo, hanno permesso di accertare la vendita “sottobanco” di accessori ai tabacchi da fumo.

    Infatti, alla luce delle modifiche apportate dalla Legge di Bilancio del 2020, i gestori dei suddetti esercizi commerciali avrebbero potuto smaltire le loro scorte di cartine e filtri entro il 31 gennaio 2021 ma, in concreto, i punti vendita controllati hanno continuato a porle in commercio “sottobanco”, ad un prezzo nettamente concorrenziale rispetto ad un esercizio autorizzato, nonché in completa evasione d’imposta.

    In definitiva, le Fiamme Gialle hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro amministrativo  63.523 accessori da fumo – tra filtri e cartine per sigarette, pari a 3.155 grammi di peso convenzionale – contestando ai titolari degli esercizi commerciali sanzioni amministrative per oltre 6.000,00 euro; proposta altresì la chiusura dell’attività ovvero la sospensione della licenza o dell’autorizzazione dell’esercizio per un periodo non inferiore a cinque giorni e non superiore ad un mese.

    L’operazione di servizio si inserisce nell’ambito di una mirata attività operata dalle Fiamme Gialle bassanesi a tutela della proprietà intellettuale e dei marchi industriali, finalizzata a contrastare l’abusivismo commerciale che danneggia il mercato e sottrae opportunità di crescita e lavoro alle imprese sane che rispettano le regole.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni