lunedì, 6 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeLa Piazza 2030Life Brenta 2030, quando la gestione del fiume diventa un modello di...

Life Brenta 2030, quando la gestione del fiume diventa un modello di governance da imitare

Banner edizioni

Finanziato dall’Ue, coinvolge 15 comuni rivieraschi ed è stato progetto del mese del MITE. L’obiettivo è salvaguardare un corso d’acqua che ha un ruolo strategico per un terzo degli abitanti del Veneto, ma che non è privo di problematiche ambientali

Brenta
Brenta

Se a decidere di mettere insieme forze e professionalità per prendersi cura delle fonti di acqua potabile sono gli enti e le società pubbliche che operano in uno stesso territorio, può succedere che il risultato sia un progetto capace di diventare un modello da imitare. È quello che è capitato fra le province di Vicenza e Padova, dove nasce il progetto LIFE Brenta 2030, finanziato dall’Unione europea e alla fine dello scorso anno riconosciuto in tutto il suo valore anche dal Ministero della transizione ecologica, che lo ha dichiarato progetto del mese di novembre.

Siamo nell’area che da Bassano del Grappa arriva a Padova, dove il fiume Brenta riveste un ruolo strategico per l’approvvigionamento idrico di un terzo degli abitanti del Veneto e dove il 43 per cento delle sponde del corso d’acqua è dedicato alle coltivazioni. Un bacino con un’importanza evidente, ma allo stesso tempo non priva di problematiche ambientali: l’elevata antropizzazione, la vocazione turistico-ricreativa (con la potenzialità di creare un collegamento ciclabile con Venezia), i prelievi, l’abbassamento della falda, la diversità degli attori che hanno interessi lungo il fiume. Sfide che, anche alla luce di una sensibilità crescente di tutela del patrimonio ambientale, hanno spinto Etra, Etifor, il Consiglio di Bacino Brenta, il Comune di Carmignano di Brenta, l’Università degli Studi di Padova, Veneto Acque e Veneto Agricoltura a far nascere LIFE Brenta 2030, con l’obiettivo di investire su un patrimonio così prezioso. Aumentando la biodiversità con il ripristino delle zone umide e delle foreste ripariali, migliorando la qualità delle acque e la capacità di ritenzione idrica di alcune aree perifluviali, ma anche riforestando per compensare la CO2 e mitigare l’inquinamento dell’aria. A completare il quadro, alcune azioni di coinvolgimento del settore agricolo votate alla sostenibilità, l’internalizzazione dei “costi ambientali” e della “risorsa” nella tariffa idrica potabile, l’organizzazione di giornate di pulizia delle sponde del fiume con il coinvolgimento non solo dei cittadini, ma anche delle scuole e delle associazioni.

Strada facendo si sono agganciate altre amministrazioni comunali, tutte rivierasche: Bassano del Grappa, Campo San Martino, Cartigliano, Cittadella, Curtarolo, Fontaniva, Grantorto, Limena, Nove, Piazzola sul Brenta, Pozzoleone, San Giorgio in Bosco, Tezze sul Brenta e Vigodarzere. Tutti uniti per il Brenta.

“Si tratta di un progetto con un’importanza strategica non solo per i comuni del bacino del Medio Brenta ma, data la rilevanza idrica del fiume, per tutta la nostra regione. I finanziamenti europei – spiegano Eric Pasqualon e Andrea Bombonati, rispettivamente sindaco e vicesindaco di Carmignano sul Brenta – servono per realizzare opere di mitigazione ambientale e di tutela della biodiversità, ma siamo convinti che il patrimonio più importante che ci lascerà LIFE Brenta 2030 sarà quello culturale, ovvero le azioni di governance e di educazione al corretto sfruttamento delle risorse. Il Brenta – continuano i due amministratori locali – è una ricchezza di cui la collettività deve prendersi cura per tramandarla alle prossime generazioni. Dobbiamo pensare a come sarà tra cinquant’anni in base a come agiamo oggi. Servono collaborazione e pianificazione da parte di tutti, privati e pubblico, giovani e anziani, agricoltori e turisti, istituzioni locali e sovraterritoriali”.

Sara Salin

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy