lunedì, 15 Aprile 2024
HomeVenezianoMiranese SudMirano, presentato il progetto su "I luoghi di Giandomenico Tiepolo"

Mirano, presentato il progetto su “I luoghi di Giandomenico Tiepolo”

Tempo di lettura: 2 minuti circa

Presentato il progetto “Mirano, i luoghi di Giandomenico Tiepolo”, un percorso che racconterà il legame tra la città e l’artista

Mirano diventa sempre più la città di Giandomenico Tiepolo. Questa mattina è stato presentato Mirano, i luoghi di Giandomenico Tiepolo, il progetto che punta a valorizzare il protagonismo dei Tiepolo nel nostro territorio seguendo l’itinerario dei luoghi che parlano della loro presenza a Mirano e proponendo di segnalare con simboli efficaci ed evidenti il valore artistico, paesaggistico e architettonico di quanto sedimentato dalla storia della nostra città.

Il progetto è stato costruito attraverso il lavoro di un apposito comitato promotore, il Comitato per Mirano, composto da esperti e studiosi del nostro territorio, che hanno fatto convergere le loro competenze. Creatolo spontaneamente, il Comitato offre il progetto al Comune di Mirano, che, in caso di approvazione, ne diverrà il proprietario.

Il progetto vuole rivitalizzare il senso della presenza di Giandomenico nel nostro territorio e favorire una rilettura di quest’ultimo in senso socioculturale, architettonico e ambientale. Avviare un cantiere culturale che sappia collegare la lettura dei segni della presenza di Giandomenico con una più complessa fruizione del territorio che nei lavori dell’artista trova ampia rappresentazione, mettendo in risalto la sua presenza e il senso della sua produzione. Uno sviluppo di questo tipo contribuirà anche a rendere Mirano ancor più attrattiva, specie nella dimensione della valorizzazione turistica.

Il segno più tangibile della nascita del progetto sarà la realizzazione di un percorso che tocchi i luoghi più significativi del legame artista-territorio. Partenza da corte Errera, dove sarà possibile ammirare la riproduzione della macchina del Mondo Novo (che sarà inaugurata lunedì 21 marzo, alle 15.30, durante la Carnevalata di metà Quaresima), e arrivo alla chiesa di Zianigo, passando per luoghi emblematici (13 in totale) come il duomo di Mirano e villa Bianchini a Zianigo, dove sono conservate opere tiepolesche. Ogni tappa sarà contrassegnata da pannelli informativi con la descrizione dei luoghi stessi.

“L’importanza di Giandomenico a Mirano – ha ricordato Gianna Marcato, proponente del progetto assieme ad Antonio Andreetta e Antonio Politi e membro del comitato – non è solo nelle ville di Zianigo e nella dimensione europea di quest’artista, ma anche nel legame che si è creato con la nostra civiltà contadina, che, nella sua semplicità, è continuata immutata dall’epoca di Tiepolo fino a tempi recentissimi. Giandomenico viveva la comunità: per esempio, era stato fabbriciere della parrocchia di Zianigo”.

“Io – ha sottolineato la sindaca Maria Rosa Pavanellocredo molto in questo progetto. Avere dei segni visibili della presenza di Giandomenico è molto importante. Dopo il periodo di cesura imposto dalla pandemia, questo progetto è una ripartenza per il lavoro di valorizzazione della presenza Tiepolo che abbiamo iniziato anni fa”.