venerdì, 1 Marzo 2024
 
HomeBreaking NewsPadova. Per la prima volta in Italia una piattaforma per ripulire i...

Padova. Per la prima volta in Italia una piattaforma per ripulire i fiumi

Tempo di lettura: 3 minuti circa

A Padova, sul fiume Bacchiglione, un prototipo sperimentale contro i rifiuti plastici

Ogni anno undici milioni di tonnellate di rifiuti di plastica finiscono nei nostri oceani. Secondo l’UNEP 731 nelle acque del Mediterraneo con una concentrazione di microplastiche tra le più alte al mondo si stima una media di 1.25 milioni di frammenti di plastica per km2. Le densità più alte sono state segnalate nel Mar Adriatico e nel bacino algerino. Quello che sembra un annuncio destinato a rimanere tale, si è trasformato in un progetto concreto. È necessario, quindi, partire dai fiumi, intercettando i rifiuti fluviali, prima che arrivino alle foci, alle aree costiere ed al mare.

Ed è quello che è successo a Padova che ha deciso di testare, lungo il corso del Bacchiglione, una delle possibili soluzioni al problema. Grazie, infatti, alla sinergia tra Comune di Padova insieme alla onlus Venice Lagoon Plastic Free (VLPF), in collaborazione con la no profit tedesca everwave e con il supporto GROHE, la città sarà dotata della speciale piattaforma denominata HiveX. Si tratta di un prototipo progettato da Everwave, che, grazie ad un team di scienziati, ingegneri e biologi marini, sviluppa da anni tecnologie di pulizia dei fiumi, per raccogliere i rifiuti prima che inquinano il mare. Il sistema sfrutta le correnti del fiume per convogliare e raccogliere i rifiuti presenti e, grazie alla sua struttura modulare, può adattarsi ad una molteplicità di corsi fluviali.

A presentare il progetto Chiara Gallani, assessora all’ambiente del Comune di Padova: “Si tratta – commenta – di un esperimento innovativo e di grande utilità. Abbiamo lavorato in questi mesi anche con il prezioso supporto del Genio Civile, che ringrazio, studiando tutte le caratteristiche tecniche per portare a Padova, in un’area fluviale sensibile dove arrivano molti rifiuti, una nuova tecnologia. Per noi è un ulteriore tassello dell’impegno sul tema dei rifiuti: dalla raccolta differenziata, alle aree pubbliche, fino ai fiumi. Il lavoro contro la plastica e i rifiuti che inquinano l’acqua è un impegno che in questo caso perseguiamo anche grazie a tutti i partner coinvolti e con la collaborazione di Legambiente Padova, che si occuperà del monitoraggio dei rifiuti, e di AcegasAPSAmga, che supporterà nella rimozione.

MONITORAGGIO

Questa prima fase prevede il controllo e l’ottimizzazione della raccolta dei rifiuti, che saranno successivamente monitorati e analizzati da Legambiente Padova attraverso una apposita app messa a disposizione da VLPF e sviluppata secondo i protocolli europei in materia. I dati saranno condivisi con l’amministrazione e la AcegasAPSAmg, incaricata dello smaltimento e trattamento degli stessi.

“Alle chiuse di Voltabarozzo – aggiunge Sandro Ginestri, presidente di Legambiente Padova – si formano sempre vasti isolotti di rifiuti maleodoranti. È significativo che proprio da qui parta la sperimentazione di un sistema che potrebbe aiutare ad intercettare i rifiuti e a tenere più puliti i nostri fiumi. Daremo volentieri una mano nel monitorare il funzionamento di questa piattaforma.”

PROPOSTA

Un’iniziativa proposta da Venice Lagoon Plastic Free, organizzazione senza scopo di lucro con sede a Venezia, impegnata nello sviluppo e realizzazione di progetti ed attività concrete per il monitoraggio, la riduzione ed il riciclaggio dei rifiuti plastici fluviali e marini.  : “Siamo felici – dichiara Gherardo Toso, vice direttore – di poter essere facilitatori e strumentali nella messa in opera di questo sistema sperimentale per la ritenzione dei rifiuti fluviali in collaborazione con il Comune di Padova ed il Genio Civile. Assieme agli amici di Legambiente ne monitoreremo i progressi con una nostra app dedicata”

IDEAZIONE

La realizzazione della piattaforma è il risultato della collaborazione everwave e GROHE, leader a nel settore idrosanitario “Siamo davvero orgogliosi – conclude Domenico Rizzo, Direttore Marketing di GROHE Italia – che, grazie alla nostra collaborazione con everwave e alla sinergia con il territorio di Padova e il supporto dei partner locali, sia proprio l’Italia ad accogliere il debutto di HiveX. Questa iniziativa testimonia l’impegno del brand rispetto alla sostenibilità a 360 gradi, rappresentato anche dalle nostre soluzioni innovative di filtrazione dell’acqua domestica GROHE Blue, che confermano il nostro impegno attivo nel promuovere uno stile di vita libero dalle bottiglie di plastica.”

 

 

Sara Busato

 
 
 

Le più lette