lunedì, 6 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeLa Piazza 2030Veneto: Bo e Ca’ Foscari, gli atenei hanno imboccato il cammino verso...

Veneto: Bo e Ca’ Foscari, gli atenei hanno imboccato il cammino verso la cultura della sostenibilità

Banner edizioni

Atenei sostenibili in Veneto: Padova è nella top 100 mondiale per impegno green, Venezia forma i manager dell’economia circolare

Gli atenei veneti scommet- tono sempre di più sulla sostenibilità. Politiche green, con azioni concrete a favore dell’ambiente. Ma anche con corsi di laurea finalizzati alla formazione di nuove figure tecniche specializzate per poter supportare lo sviluppo dell’economia circolare. In prima linea su entrambi i fronti ci sono l’Università degli Studi di Padova e l’Università di Ca’ Foscari di Venezia (anche con il Campus di Mestre e quello di Treviso), che negli ultimi anni hanno investito su queste tematiche e ne stanno uscendo vincenti.

PADOVA NELLA TOP 100

elezioni rettorali padova ateneo
Palazzo Bo (Università di Padova)

A certificare che l’ateneo patavino, oltre a brillare storicamente nei campi del sapere e della ricerca, è ai vertici dell’impegno per la salvaguardia del Pianeta è la classifica internazionale pubblicata dall’UI Green Metric World University Ranking, che ogni anno valuta le università di tutto il mondo misurandone proprio la sostenibilità. Il Bo, che proprio nel 2022 compie 800 anni dalla sua fondazione, è stato inserito nella top 100 delle più ecosociali e sostenibili, migliorando la propria performance rispetto all’edizione precedente in ben cinque indicatori su sei. L’iniziativa – che vede la partecipazione di un migliaio di atenei di tutto il mondo – mette sotto la lente di ingrandimento le infrastrutture, l’efficientamento energetico e lo sviluppo di energie rinnovabili, il trattamento dei rifiuti, il metodo di utilizzo e di lotta allo spreco di un bene primario come l’acqua, le politiche dei trasporti e l’incentivo degli spostamenti a piedi, oltre naturalmente ai programmi di educazione e ricerca focalizzati su green e sostenibilità. Il podio più alto del ranking è occupato dall’olandese Wageningen University & Research. Padova è in 97esima posizione: certo, rispetto al dodicesimo posto raggiunto dall’Università di Bologna di strada ce n’è ancora molta da percorrere. Ma mettersi in gioco e soprattutto porsi continui obiettivi di miglioramento costituisce un ottimo inizio. A essere giudicati positivamente e ad aver fatto guadagnare punti preziosi all’università guidata dalla rettrice Daniela Mapelli, il nuovo polo di via Beato Pellegrino, che è il primo edificio gas-free dell’ateneo, ma anche i progetti di riqualificazione degli spazi aperti, come quelli di villa Revedin-Bolasco e dell’Orto Botanico che, non va dimenticato, è patrimonio mondiale Unesco.

Non solo. L’ateneo, che ha in Francesca Da Porto una prorettrice con delega specifica alla sostenibilità, ha creato e promuove “UniPadova Sostenibile”, contenitore e catalizzatore di tutte le iniziative che coinvolgono sulla tematica l’intera comunità, dagli studenti agli organi di governo, e facendole rimbalzare all’esterno verso la città e tutto il territorio, affermando il proprio ruolo centrale di ente pubblico promotore di crescita economica, inclusione, parità di genere e salvaguardia dell’ambiente.

VENEZIA, SIMBOLO DEL CLIMATE CHANGE

TREVISO – UNIVERSITA
©NICOLA FOSSELLA

Sul fronte della didattica, Ca’ Foscari sta giocando un ruolo primario altro non fosse (al di là della presenza ormai consolidata della facoltà di Scienze ambientali) per il fatto che Venezia è la città simbolo dei problemi che i cambiamenti climatici hanno causato. E che, come luogo di arte e pensiero, è probabilmente la più adatta per affrontare i problemi. Così nello scorso anno accademico è stato aperto il primo corso di laurea magistrale italiano in Scienze umane ambientali, coordinato da Shaul Bassi, che coinvolge sette dipartimenti e insegnanti bilingue, mettendo in dialogo le scienze naturali, quelle sociali e la cultura umanistica in tutte le sue declinazioni per formare la prossima generazione di operatori culturali, intellettuali pubblici, formatori e leader capaci di immaginare, raccontare ed scientifico di Mestre, invece, nel bel mezzo della pandemia è stato dato il via al corso di laurea magistrale in Biotecnologie per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile, coordinato da Paolo Pavan e progettato dal dipartimento di Scienze ambientali, informatica e statistica: attraverso l’interdisciplinarietà l’obiettivo è creare le opportunità professionali del futuro. Qui si studiano insieme ingegneria industriale, meccanica ed energetica, chimica analitica, microbiologia applicata, valutazione dei rischi e degli impatti ambientali, diritto ambientale ed economia delle società multiservizio per far nascere i nuovi manager dell’economia circolare e dei suoi processi.

Sara Salin

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy