giovedì, 1 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeRodiginoDeltaAl via la raccolta indumenti per i profughi ucraini a Porto Tolle

Al via la raccolta indumenti per i profughi ucraini a Porto Tolle

Banner edizioni

Da domani, mercoledì 6 aprile, avrà inizio la raccolta di indumenti per i profughi ucraini a Porto Tolle. Vicesindaco Mantovani: “Grazie ai sacerdoti per aver reso disponibili gli spazi e ai volontari”

Grazie alla rete solidale attivatasi a Porto Tolle negli ultimi due mesi a sostegno della comunità ucraina, da domani, mercoledì 6 aprile, grazie alla disponibilità dei sacerdoti di Porto Tolle, comincerà la raccolta di indumenti per i profughi ucraini, presso la parrocchia Beata Vergine del Carmine di Donzella, in via Po di Gnocca n.17. I giorni e orari in cui si potrà accedere ai locali messi a disposizione per la raccolta sono mercoledì dalle 17 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 11.

Il Vicesindaco Silvana Mantovani: “Ringrazio i nostri sacerdoti per aver reso disponibili gli spazi di Donzella per fare da punto di raccolta per gli indumenti destinati ai cittadini ucraini presenti nel nostro territorio e Marino Grandi che si è reso disponibile a ricevere chi vorrà portare donazioni il mercoledì pomeriggio e il sabato mattina. Invito tutti coloro che volessero dare il loro concreto supporto alla popolazione ucraina ora ospitata a Porto Tolle ad organizzare gli indumenti in borse o scatoloni distinguendo per tipologia, dunque in abbigliamento da uomo, donna e bambini fino ai 13 anni. E’ inoltre necessario che i vestiti donati siano in buono stato e puliti”.

“Qualora e nell’auspicio termini lo stato di crisi, ciò che verrà raccolto sarà consegnato alle associazioni che lavorano nel nostro territorio e in quello provinciale. Lo spirito solidale che caratterizza i cittadini di Porto Tolle, che ha avuto modo di manifestarsi in diverse occasioni negli ultimi anni, è motivo di orgoglio per la nostra amministrazione. Un grazie a tutti coloro che contribuiranno”.

Il Sindaco Roberto Pizzoli: “I profughi attualmente presenti nel nostro comune sono 16, tra questi vi sono anche bambini e minorenni. Siamo settimanalmente in contatto con la Prefettura di Rovigo per restare aggiornati riguardo la situazione di accoglienza che riguarda la nostra Provincia. Gli arrivi presso i nostri territori sono ancora sporadici e non organizzati da enti preposti, ma consistono per lo più nel ricongiungimento a parenti già presenti da anni in Italia”.

“Ricordo che l’ufficio socio sanitario è a disposizione per l’assistenza alla compilazione dei documenti da inviare alla Questura, sia per chi ospita che per chi viene ospitato, e per avere informazioni riguardo alloggi messi a disposizione da cittadini e soluzioni riguardo un primo sostegno alimentare attraverso l’Emporio della Solidarietà di Ca’ Venier. Con il punto raccolta di indumenti desideriamo rispondere ad un’esigenza di chi ha lasciato la propria casa e che indossano tutto ciò che resta loro”.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Rovigo

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy