sabato, 25 Giugno 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoCavarzereCavarzere: studenti della scuola Aldo Cappon uniti per dire “no” alla guerra

    Cavarzere: studenti della scuola Aldo Cappon uniti per dire “no” alla guerra

    Banner edizioni

    Mercoledì 12 aprile tutti gli studenti della Scuola secondaria di Primo grado Aldo Cappon di Cavarzere si sono uniti per l’Ucraina e per dire “no” alla guerra

    Mercoledì 12 aprile, dalle ore 10.30, presso la pista esterna di atletica della struttura, tutti i
    ragazzi della Scuola secondaria di Primo grado Aldo Cappon, si sono riuniti per celebrare un momento di riflessione per l’Ucraina e per urlare a gran voce il loro “no” contro ogni forma di guerra e violenza.

    Il progetto intitolato “Da studente a cittadino – Stand up for Peace! – Ensemble pour la Paix!” è stato realizzato dagli alunni di tutte e quattro le sezioni aiutati dai loro professori, in particolare la Prof.ssa Chiara Bello e il Prof. Marco Longhin, referenti del progetto.
    “Il compito della scuola come agenzia educativa è anche quello di creare coscienza sociale in ogni alunno e alunna – dicono – e rendere ognuno consapevole di poter essere parte attiva della società in cui vive”.

    “Questa è la scuola che vogliamo – ha spiegato la Dirigente Ilaria Finotti – una scuola che si interessa all’attualità. Oggi ci troviamo qui perché i diritti non dovrebbero essere negati a
    nessuno. Uomini, donne, bambini, tutti dobbiamo vivere in pace.” Ogni classe ha realizzato un’attività attraverso metodologie differenti: didattica attiva laboratoriale, lavori in gruppo, brainstorming, approccio espressivo, riflessivo e metacognitivo e lezioni partecipate.

    Gli alunni hanno dunque esposto vari cartelloni riguardanti diverse materie, tra cui Scienze
    motorie illustrando i 10 principi del fair play, Inglese con alcune frasi significative della canzone “Imagine” di John Lennon, Arte e Francese con il caviardage “Le visage de la Paix”.
    Sono state lette anche le poesie “Notte tranquilla” di Pablo Neruda, “I bambini giocano alla
    guerra” di Bertolt Brech e “Ho dipinto la Pace” di Talil Sorek.

    Le più significative, però, sono sicuramente le poesie che i ragazzi hanno scritto da soli
    lasciando spazio alle emozioni; “Amiamo tutti senza egoismo”, “Non vogliamo la sofferenza,
    vogliamo la pace” e ancora “Non vogliamo la morte ma solo la vita” sono solo alcune delle
    frasi che i “piccoli grandi” poeti hanno scritto.

    Inoltre, in occasione della visita del giornalista Toni Capuozzo al Teatro Tullio Serafin tenutasi sabato 2 aprile, gli alunni della classe 2F si sono trasformati in giornalisti e hanno potuto fare diverse domande a Capuozzo cercando spiegazioni sul perché si fa la guerra.
    Oltre a ciò, il progetto prevedeva anche che ogni classe realizzasse un elaborato grafico che poi è stato unito in un’opera unica durante l’evento.

    Un grande puzzle colorato con la scritta “Pace” è infatti stato installato sulla rete di recinzione della pista rivolto verso il supermercato Alìper, per contribuire alla sensibilizzazione della cittadinanza a questo tema importante e delicato.

    Benedetta Cesaro

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni