sabato, 10 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeTurismo & SaporiEmirati Arabi nel Futuro, fra arte e primati

Emirati Arabi nel Futuro, fra arte e primati

Banner edizioni

A Dubai fra i grattacieli da record e la città vecchia spunta il Museo progettato da Shaun Killa: per National Geographic uno dei 14 edifici più belli del mondo. Ad Abu Dhabi il nuovo Louvre getta un ponte fra civiltà: architetture che parlano un linguaggio audace e guardano lontano

Emirati Arabi, Dubai
Emirati Arabi, Dubai

Dubai, why not? Mare, grattacieli e idee proiettate nel futuro a soltanto sei ore di aereo. “Dubai è più vicina e facile da raggiungere di quanto si possa immaginare. La sua proposta turistica è ormai alla portata di tutte le tasche, non è più la meta soltanto di chi vuol fare business”: lo garantisce Andrea Cani, giovane tour operator italiano (kkmgroup) attivo sulla destinazione da tempo e pronto a scommettere sugli Emirati Arabi Uniti come destinazione tagliata su misura anche per chi cerca una vacanza, breve o lunga, basata su mare, relax e attività culturali. L’Expo appena concluso, ispirato al tema “Connecting minds, creating the future”, ha sdoganato una volta per tutte Dubai e gli Emirati Arabi come meta turistica di alto profilo. I 15 milioni di visitatori dell’esposizione universale, quest’anno dedicata a temi di grande attualità come sostenibilità, mobilità e opportunità (da solo il Padiglione Italia, che era uno dei 192 paesi presenti, ha fatto registrare 1,2 milioni di visitatori), dimostrando come quest’area del mondo sia ormai inserita a pieno titolo nel network internazionale del turismo. Per recitare un ruolo tutt’altro che secondario. Lo confermano il profilo culturale e i contenuti innovativi di questo Expo, ma anche altre attrattive che si stanno imponendo all’attenzione del mondo. A partire da un’architettura dal design di avanguardia, sempre a caccia di record (vedi l’edificio più alto del mondo, il Burj el Khalifa di Dubai, alto 829 metri) e talvolta anche eccessiva nella sua densità urbana, come in certi quartieri finanziari di Dubai, ma che sta scrivendo pagine nuove nell’evoluzione tecnologica e di stile in questo settore. Il nuovissimo Museo del Futuro, progettato in forme ardite dall’architetto sudafricano Shaun Killa, si candida sfacciatamente a edificio più bello del mondo e a certificarlo è anche il National Geographic che lo ha inserito fra i 14 edifici più ricchi di fascino estetico. Le sue forme audaci generano stupore a prima vista. Al suo interno c’è spazio per l’illustrazione e la rappresentazione di idee, innovazioni e servizi che cambieranno la nostra vita nei prossimi vent’anni.

Architettura e urbanistica protagoniste ovunque negli Emirati. Dalle esagerazioni (volute) di Dubai, alle presenze più raffinate nel panorama urbano di Abu Dhabi. A Dubai colpiscono la grande isola artificiale a forma di palma che ospita una parte nuova della città (vi hanno abitato anche Diego Maradona e Fabio Cannavaro); come pure l’arcipelago Emirati nel Futuro, fra arte e primati Emirati Arabi Uniti di Renato Malaman A Dubai fra i grattacieli da record e la città vecchia spunta il Museo progettato da Shaun Killa: per National Geographic uno dei 14 edifici più belli del mondo. Ad Abu Dhabi il nuovo Louvre getta un ponte fra civiltà: architetture che parlano un linguaggio audace e guardano lontano Turismo di isole che ha la forma del mondo. E ancora: alberghi (lussuosissimi) già entrati nella leggenda, come la ‘Vela’ o l’Atlantis, ed edifici dal linguaggio originalissimo come The Frame, la cornice. Ad Abu Dhabi colpiscono invece la sobrietà, l’originalità e la bellezza del panorama urbano. Union Square è una ‘tavola apparecchiata’, pensata da uno studio di architettura danese. “Uno spazio rarefatto e metafisico – lo ha definito l’architetto Luciano Beddini – popolato di forme geometriche elementari che scrutano il cielo, su una rassicurante monocromia”. Forti e armonici i contrasti fra passato e futuro in piazza Al Hosn.

Se fino a ieri i richiami al grande turismo internazionale avevano il linguaggio del grande luna park, di cui erano parte i giganteschi ‘mall’ (centri commerciali) dove si può persino sciare e i parchi a tema come il Ferrari World, oggi negli Emirati si punta molto sul messaggio culturale. Oltre al citato Museo del Futuro di Dubai, va ricordata la recente apertura (novembre 2017) del Louvre di Abu Dhabi, creato in collaborazione con il Louvre di Parigi. Un museo dall’allestimento luminoso e minimalista in una cornice mozzafiato, progettata come una medina araba, sotto la grande cupola argentata, dall’architetto francese Jean Nouvel, vincitore del premio Priztker. Nelle sale le opere raccontano la storia della grande bellezza del mondo, dalle civiltà più antiche ai giorni nostri. Un nastro che si srotola leggero dalla civiltà egiziana, greca e romana a quelle orientali, per arrivare fino ai Fiamminghi e agli Impressionisti. Fino a Mondrian e Kandinskij. Altra solenne bellezza ad Abu Dhabi è la grande moschea, che riluce di tanti marmi italiani ed esibisce il tappeto e il lampadario più grandi del mondo. Peccato che di recente per entrarci sia necessario percorrere un infinito mall sotterraneo che toglie un po’ di magia all’insieme. Tornando a Dubai, va ricordata la sua storia di città di pescatori che fece la sua fortuna un secolo fa con la scoperta delle perle naturali. Rese bene fino a quando arrivarono le perle artificiali del Giappone. Ma arrivò in contemporanea anche il petrolio (1956) che cambiò la sorte di questo paese, unione di sette emirati sancita poi nel 1971, alla vigilia del definitivo decollo economico. E pensare che nel 1968 le auto immatricolate erano poco più di cento… La città vecchia di Dubai è affacciata sul Creek, il fiume artificiale che in realtà è un lungo fiordo, ricorda la tradizione araba. Nelle strette vie, nel souk, nella moschea, nel museo che illustra le origini e nelle torri del vento, antesignane naturali dell’aria condizionata. Dubai, dove attualmente risiedono oltre diecimila italiani, che ha molto da offrire anche come mare. Spiagge ampie, di sabbia fine, affacciate sul Golfo Persico e specchio per uno skyline urbano che non smette mai di stupire per il suo sguardo sul futuro.

Info: www.expo2020dubai.ae

www.atthetop.ae

www.enjoydestinations.it

Renato Malaman

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy