sabato, 20 Aprile 2024
HomeLa Piazza 2030I-Tronik in missione per salvare gli oceani: l’azienda di Vigonza a caccia...

I-Tronik in missione per salvare gli oceani: l’azienda di Vigonza a caccia di microplastiche

Tempo di lettura: 2 minuti circa

I-Tronik, il padovano Stefano Germani si è unito all’operazione di “Ocean to Ocean”: dopo aver sostenuto economicamente il progetto l’imprenditore è partito per supportare nell’operazione 

I-Tronik, il padovano Stefano Germani si è unito all’operazione di “Ocean to Ocean”
I-Tronik, il padovano Stefano Germani si è unito all’operazione di “Ocean to Ocean”

C’è un’azienda padovana che si è unita a “Ocean to Ocean RIB Adventure”, missione nata per studiare l’inquinamento degli oceani. È la I-Tronik di Vigonza, specializzata in soluzioni tecnologiche nel settore elettronico industriale. Oltre ad aver scelto di supportare economicamente il progetto e aver fornito le provette necessarie per analizzare la presenza di microplastiche e metalli pesanti nell’acqua, il mese scorso ha deciso di fare di più. Stefano Germani, socio della I-Tronik, ha raggiunto a Cartagena de Indias il comandante Sergio Davì, partito il 21 novembre scorso da Palermo per un viaggio quasi sempre in solitaria, a bordo di un gommone. Oltre diecimila miglia nautiche di navigazione attraverso Spagna, Capo Verde, Guyana Francese, Trinidad, Tobago, Venezuela, Caraibi, Colombia, Panama, Messico e Stati Uniti d’America. L’imprenditore padovano ha supportato Davì nel raggiungimento di Panama City e nel prelevamento dei campioni d’acqua da analizzare.

“L’inquinamento marino da plastica sta diventando sempre più grave. Ogni anno – afferma Stefano Germani – si stima che finiscano in mare dai 4,8 ai 12,7 milioni di tonnellate di rifiuti plastici e pare che nei mari siano già finiti complessivamente almeno 86 milioni di tonnellate di plastica, di cui una buona parte si è depositata sui fondali. Oltre a sostenere la spedizione come sponsor, abbiamo deciso si partecipare attivamente a una parte del viaggio per fornire un apporto sotto l’aspetto scientifico”.

Germani ha effettuato cinque campionamenti tra Cartagena, prima la parte atlantica e poi la parte pacifica di Panama. Campioni d’acqua che verranno analizzati dall’Istituto zoo profilattico di Palermo, dal Cretam e dall’Aten Center dell’Università di Palermo per verificare quanto sono inquinate le acque dei nostri oceani. In programma c’è anche il prelevamento di campioni dalle acque del Parco nazionale di Coiba, area naturale protetta che sorge sull’omonima isola di fronte alle coste panamensi. “Negli oceani esistono ormai stabilmente, da almeno quarant’anni, le cosiddette isole di plastica, microplastiche soprattutto, che si adagiano sui fondali marini. Essere parte attiva della ricerca sul loro stato di salute – spiega il socio di I-Tronik – è sicuramente un’esortazione. Prima di tutto a noi stessi e poi anche ad altre aziende a praticare l’attività d’impresa nel rispetto del luogo in cui viviamo”.