domenica, 5 Febbraio 2023

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeVenetoAttualitàIl Veneto riorganizza e potenzia i servizi di salute mentale

Il Veneto riorganizza e potenzia i servizi di salute mentale

Banner edizioni

Il Veneto riorganizza e potenzia servizi salute mentale, Lanzarin: “Evoluzione virtuosa in 3 anni. La pandemia ha inciso sulla crescita delle problematiche da affrontare”

Con una complessa ed articolata delibera, approvata oggi dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin, è stato definito un nuovo modello organizzativo e gestionale dell’area salute mentale, che si rivolge a 360 gradi a tutte le fattispecie, territoriali e ospedaliere di questo delicatissimo settore della salute.

“Abbiamo realizzato una vera e propria nuova organizzazione di sistema – dice la Lanzarin – con una forte integrazione tra l’area delle cure sanitarie e l’area degli interventi socio relazionali. Nel ribadire il modello della psichiatria di comunità, che
nella Regione Veneto si sviluppa in una rete integrata di servizi, con il raccordo con la fondamentale rete informale composta dalle associazioni di volontariato e dal privato sociale, questo provvedimento delinea l’evoluzione necessaria per dare adeguata risposta ai bisogni emergenti, anche in relazione agli esiti della recente pandemia, sul
benessere psicologico dei cittadini”.

“Ci aspettiamo risultati significativi – dice Lanzarin – che otterremo con il rafforzamento delle azioni già in essere, potenziando l’assistenza territoriale, superando frammentazioni organizzative ove esse compaiono, valorizzando le competenze degli operatori. Il tutto con il punto di riferimento del benessere dei pazienti, delle loro famiglie e della comunità di appartenenza”.

Gli obbiettivi indicati sono da attuarsi progressivamente in un triennio. Tra questi, rafforzare l’organizzazione sanitaria come presupposto per coordinare e integrare i vari setting assistenziali fondati sul Progetto Terapeutico Individualizzato; ricomporre l’equilibrio dell’allocazione dei fondi in risposta al cambiamento della domanda di cura e riabilitazione a ai nuovi bisogni emergenti; potenziare il raccordo della “rete formale” con la rete “informale”, operando in coprogettazione per favorire innovazione, flessibilità e continuità dei supporti al progetto di vita del paziente con disturbi mentali.

E’ ritenuto prioritario, in questo senso, potenziare l’assistenza territoriale e investire su percorsi che consentano una presa in carico adeguata al continuo crescere dei bisogni di salute mentale, aumentando le risorse dei Centri di Salute Mentale e implementando una rete capillare di primo livello nelle strutture di prossimità e potenziando le cure domiciliari. Gran parte dei temi fondanti del provvedimento rispondono ai numerosi contributi e sollecitazioni emersi nel corso del lavoro della Commissione Salute Mentale, il cui mandato viene prorogato fino al 31 dicembre 2023, e dei diversi incontri con gli stakeholders organizzati dall’Assessorato.

Gli interventi delineati dalla delibera sono inoltre in armonia con le linee programmatiche di sviluppo del territorio ed implementazione delle reti di prossimità, esplicitate nel Missione 6 del PNRR.

I diversi ambiti sui quali si concentra la nuova organizzazione sono i seguenti:
– Attività Territoriale;
– Monitoraggio dei Percorsi Integrati di Cura per la Presa in Carico dei Pazienti
nell’Area della Disabilità nell’Età Adulta;
– Reparti Ospedalieri;
– Semiresidenzialità;
– Residenzialità;
– Implementazione della Telemedicina;
– Promozione di collaborazione e Raccordo tra Dipartimenti di Salute Mentale e
Strutture Ospedaliere Private accreditate per la Riabilitazione post ospedaliera;
– Promozione del Rapporto con le Associazioni di Volontariato;
– Utilizzo di Farmaci di Provata Efficacia con particolare attenzione a
tollerabilità e Sicurezza;
– Pazienti Psichiatrici autori di Reato;
– Rete Sovrazonale dei Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione;
– Area Salute Mentale nell’età di Transizione (12-24 anni);
– Integrazione con i Dipartimenti per le Dipendenze per la Presa in Carico
Integrata nel Rispetto delle Specificità;
– Salute Mentale in Carcere;
– Azioni trasversali, tra cui l’organizzazione di una Conferenza Regionale per la Salute Mentale propedeutica alla definizione di un nuovo Progetto Obiettivo regionale.

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le più lette

Banner edizioni
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy