mercoledì, 7 Dicembre 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

Banner edizioni
HomeRodiginoAdriaBottrighe, i cittadini si sentono abbandonati

Bottrighe, i cittadini si sentono abbandonati

Banner edizioni

Bottrighe, i cittadini si sentono abbandonati. Secondo medico, “nessuna risposta dalle istituzioni”

Bottrighe

La petizione raccolta a Bottrighe, nella quale si chiedeva il ripristino del servizio sanitario con un medico che avrebbe dovuto sostituire il pensionamento del dottor Di Bartolomeo, non ha avuto seguito, anzi nessuna delle istituzioni, sindaco, presidente Regione, direttore Distretto Sanitario e presidente Ulss, alle quali era stata inviata la richiesta, seguita da un centinaio di firme, non si è degnata di una risposta.

Amara, triste costatazione, i cittadini di Bottrighe si sentono sempre più soli. “Ma poi arrivano per chiedere voti e allora promettono, ricordiamocelo” qualcuno tuona sui social (nel 2023 ci sono infatti le elezioni, ndr). L’aria che tira è pesante. I cittadini si sentono abbandonati da chi li rappresenta, in generale dalle forze politiche.

Dall’opposizione in consiglio comunale poi, il silenzio più assordante. Solo il partito Democratico, per bocca di Niccolò Bellini, del direttivo, si è preoccupato per la vicenda che penalizza anche i vicini residenti di Mazzorno Sinistro e Cavanella Po, per lo più anziani e con patologie. Bellini ha scritto e chiesto alla giunta municipale e al consigliere delegato per Bottrighe, di farsi promotori presso l’Ulss per conoscere se il professionista verrà sostituito o, dal momento che il problema è comune ad altri paesi, che provvedimenti l’Ulss intenda adottare, in quanto un solo medico non può coprire le necessità.

Problemi anche per le bollette: “Nulla è cambiato. Continuano ad arrivare scadute”

Anche per le poste, nonostante l’interesse dimostrato dal sindaco che aveva contattato i vertici dell’azienda e nonostante un gruppo di cittadini avesse segnalato alle medesime direzioni i problemi legati ai servizi, i disagi permangono identici. “Nulla è cambiato per quanto riguarda le bollette – dice Rossana Furlani, già portavoce dei cittadini causa i disagi delle stesse che arrivavano nelle case scadute e che, conferma la signora – continuano ad arrivare scadute. Dopo il pensionamento del direttore e dell’addetta, la sostituzione è avvenuta per uno solo. Ciò ha creato lunghe attese per i clienti”.

Roberto Marangoni

Banner edizioni
Banner edizioni
Banner edizioni

Le ultime della provincia di Rovigo

Banner edizioni
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy