lunedì, 4 Luglio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomePadovanoPadova NordCadoneghe, caro energia: il Comune blocca gli aumenti

    Cadoneghe, caro energia: il Comune blocca gli aumenti

    Banner edizioni

    Cadoneghe: passa l’ordine del giorno di Rifondazione Comunista sul caro bollette

    Municipio di Cadoneghe
    Municipio di Cadoneghe

    Approvato in consiglio comunale l’ordine del giorno relativo alla petizione sottoscritta da 66 cittadini di Cadoneghe, su iniziativa del circolo locale del Partito della Rifondazione Comunista “Virginio Benetti”.

    “Nonostante la profonda distanza, a livello di convinzioni personali, che mi separa da Rifondazione Comunista – ha esordito il sindaco Schiesaro – ho accolto volentieri la petizione”.

    Nella stessa seduta è stata approvata la convenzione fra i Comuni di Cadoneghe, Vigodarzere e Limena per la gestione associata delle attività conseguenti alla liquidazione dei Comuni del Medio Brenta.

    Con la petizione si chiedeva al consiglio di prendere posizione sul blocco agli aumenti di luce e gas che, dal primo ottobre in poi, hanno portato a un aumento delle bollette per circa il 29,8% per l’energia elettrica e per il 14,4% per il gas. A sindaco e giunta è stato chiesto di agire con ogni mezzo a disposizione per bloccare l’aumento delle bollette di gas ed energia elettrica, chiedere una revisione normativa allo scopo di ottenere una riduzione del 5% dell’Iva su bollette di luce e gas, chiedere di recedere dalla completa liberalizzazione prevista dal 2023 e di privilegiare, nel Pnrr, gli investimenti che danno priorità ai settori energetici primari, come l’energia. La petizione chiedeva di recuperare fondi a favore degli enti locali  per sostenere nel pagamento delle bollette i cittadini in maggiore difficoltà sociali.

    “È sempre un dovere accogliere le istanze che arrivano dai cittadini, ma questo tema mi sta particolarmente a cuore – ha aggiunto Schiesaro –. Come amministrazione abbiamo già avviato l’ampliamento della platea dei beneficiari del bonus gas, con l’innalzamento della soglia minima Isee per accedervi e l’aumento del cassetto destinato al sostegno al reddito realizzato con gli ultimi bilanci. Anche il governo, spronato dalla Lega, sta prendendo importanti iniziative al riguardo. Da liberale non posso non rilevare che anche la liberalizzazione del settore energia e gas ha alcune criticità ed espone a rischi alcuni strati della popolazione, in particolare i più anziani. Anche se in linea di massima sono favorevole allo strumento, in questo caso specifico ritengo sia bene essere cauti e dare garanzie”. 

    Nicoletta Masetto

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni