martedì, 5 Luglio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeElezioniPadova: Coalizione Civica presenta il programma

    Padova: Coalizione Civica presenta il programma

    Banner edizioni

    Al centro l’ambiente, la partecipazione, la mobilità sostenibile e la lotta alle disuguaglianze.

    Metodo che vince non si cambia, verrebbe da dire. Cinque anni fa, infatti,  la scrittura condivisa del programma elettorale è stato uno dei punti di forza del movimento arancione.  E la storia continua. La modalità di lavoro è sempre la stessa: gruppi di lavoro e gruppi territoriali per discutere di temi specifici ed elaborare proposte insieme. Circa un mese e mezzo fa, infatti, domenica 10 aprile, gli attivisti e le attiviste di Coalizione Civica per Padova si sono dati appuntamento per iniziare a scrivere il programma della forza politica alle elezioni del 12 giugno.

    Cinque anni fa il movimento arancione si era candidato con un programma per cambiare la città in dieci anni, quello è stato il punto di partenza per definire gli obiettivi fino al 2027. Oggi Coalizione Civica si presenta con un programma più snello ma che tiene conto di quanto realizzato in questi primi cinque anni di amministrazione, dei risultati raggiunti e degli obiettivi mancati o semplicemente non completati. Un programma, suddiviso in sedici capitoli tematici,  che si sofferma sui temi principali su cui si basano i fondamenti del movimento.

    Cinque anni fa abbiamo proposto un programma che metteva al centro l’ambiente, la lotta al consumo di suolo e alle disuguaglianze. –  dichiarano  Dora Rizzardo e Gianluca Pozza, portavoce di Coalizione Civica – Cinque anni dopo proseguiamo su questa strada forti dei grandi risultati ottenuti in questi anni e consapevoli che il lavoro da fare è ancora molto. Una differenza però balza all’occhio: se cinque anni fa eravamo gli unici a parlare di consumo di suolo o dell’urgenza di mettere la questione ambientale e la crisi climatica al centro, oggi possiamo constatare che siamo riusciti a “contaminare” tutte le forze politiche padovane. Anche grandi partiti della destra hanno fatto loro questi temi, con slogan 6×3 “basta cemento”. Siamo orgogliosi che siano diventati temi condivisi, ma quelle stesse forze politiche oggi governano la nostra Regione e hanno nei fatti dimostrato di non sapere andare oltre ai loro stessi slogan.

    I gruppi di lavoro tematici e i gruppi territoriali di Coalizione Civica per Padova non hanno mai smesso, in questi anni, di rielaborare ed aggiornare il proprio lavoro, adattandolo alle situazioni concrete che Padova si è trovata ad affrontare, prima tra tutte la pandemia. Coalizione Civica ha anche riportato il lavoro dei suoi gruppi nel programma del sindaco Sergio Giordani. Sono stati accolti tutti i temi proposti ed è stata riconosciuta la loro centralità nel programma della coalizione di centro sinistra.

    Il popolo arancione ci tiene a sottolineare il fatto di aver coinvolto non solo i cittadini, ma anche tutte le persone che hanno scelto di candidarsi nella lista e i rappresentanti della forza politica nell’amministrazione: gli assessori, i consiglieri comunali e le persone nominate nelle Consulte di Quartiere. Il risultato del programma presentato, è un documento che continuerà a guidare l’assemblea, ma in continua evoluzione.

    Programma

    Il programma, suddiviso in sedici capitoli tematici,  si sofferma sui temi principali su cui si basano i fondamenti del movimento: ambiente, lotta alle disuguaglianze, diritti, partecipazione, rigenerazione urbana, mobilità accessibile e sostenibile sono quindi le colonne portanti su cui si declinano le singole proposte per ogni tema.

    Tra gli obiettivi principali ci sono la conclusione delle nuove linee di tram, prevedendo l’estensione fino ad Albignasego e Vigodarzere-Cadoneghe, il Piano del Verde e l’approvazione del Piano degli Interventi con la revisione del PAT, il Parco agricolo Basso Isonzo, il Parco Iris o il Parco Guizza.

    Proposte

    Da parte nostra abbiamo deciso di redigere per la seconda volta un programma puntuale, esteso e articolato, con azioni concrete, proprio perché uno slogan non basta. Cambiare la città è un lavoro duro, che richiede tempo e costanza. Abbiamo intenzione di proseguire in questo lavoro perché abbiamo appena iniziato ” aggiungono i portavoce.

    Tra le proposte innovative rispetto al programma si evidenzia la volontà di inserire in modo strutturale il metodo partecipativo in tutti i processi progettuali cittadini attraverso la creazione di un Urban Center e il coinvolgimento dei singoli cittadini e del fitto tessuto di realtà associative.

    La promozione e creazione comunità energetiche, anche attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici, senza consumo di suolo.

    L’istituzione di un’Agenzia di Business Location e marketing territoriale a regia pubblica  ora che il consorzio ZIP è stato liquidato per una visione unitaria. Un attenzione al metodo dei beni comuni già presente nell’amministrazione, ma da implementare maggiormente.

    Il consorzio ZIP che è stato liquidato, Coalizione Civica propone l’istituzione di un’Agenzia di Business Location e marketing territoriale a guida pubblica. 

    Sul tema scuola la proposta è una scuola polo in ogni quartiere aperta fino a sera, con iniziative culturali ed educative per tutte e tutti, nell’ottica della formazione permanente. Il trasporto pubblico e gratuito per le scuole

    La costituzione di una società partecipata per la gestione, manutenzione e mappatura delle case comunali e di un’agenzia per l’abitare che si occupi della gestione del servizio di accompagnamento all’abitare.

    E poi ancora, l’attivazione dei Patti di Vicinanza, per affrontare il tema della sicurezza attraverso l’attivazione delle comunità territoriali. La costituzione di una Fondazione di partecipazione per la sperimentazione di progetti di innovazione sociale. Sul tema della mobilità un aumento del servizio del trasporto pubblico notturno e il raddoppio delle linee ferroviarie interne alla città anche per il trasporto pubblico locale e con un sistema integrato di tariffazione “ferrovia-trasporto pubblico urbano”. Un nuovo approccio alla cultura che si occupi anche di promuovere le realtà culturali cittadine e un’offerta fruibile prima di tutto dai Padovani.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le notizie più lette di Padova

    Banner edizioni