martedì, 5 Luglio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomePadovanoPiovesePiove di Sacco: gli acconciatori Cna incontrano gli studenti Enaip

    Piove di Sacco: gli acconciatori Cna incontrano gli studenti Enaip

    Banner edizioni

    A Piove di Sacco l’incontro tra gli acconciatori della Cna e gli studenti dell’Enaip, per trasmettere i segreti della professione

    Piove di Sacco

    Gli acconciatori della Cna Padova entrano all’Enaip per trasmettere agli studenti i segreti della professione. Avviene nell’ambito delle attività di orientamento e di preparazione agli stage promossa dall’istituto professionale locale che ha aperto le porte al mondo delle professioni artigiane per un confronto diretto.

    “Questa attività nelle scuole per noi artigiani dev’essere una missione – commenta Giancarla Tasso, presidente della categoria benessere di Cna Padova – perché i giovani sono il futuro delle nostre professioni e hanno bisogno di un messaggio di concretezza. DI ragazzi più giovani cominceranno presto i loro percorsi di inserimento e stage all’interno dei saloni, quindi abbiamo dato loro qualche consiglio su come orientarsi nel rapporto con la clientela e con il gruppo di lavoro. Con i ragazzi più grandi, che avevano già avuto una prima esperienza, abbiamo invece parlato delle problematiche che hanno affrontato”.

    L’obiettivo è di fare capire agli studenti come approcciarsi al mestiere del parrucchiere, un’attività che si fonda su creatività e tecnica, con tante prospettive di crescita. Anche tanti suggerimenti pratici, su come non commettere certi errori, su quali competenze sviluppare e sull’importanza di rapportarsi con i clienti in modo corretto.

    “Il messaggio che portiamo ai ragazzi è che nel nostro lavoro sei tu che ti crei la tua qualità – aggiunge Matteo Massarotto, titolare di un salone di acconciatura di Cadoneghe e membro della presidenza provinciale di Cna – per questo con il cliente è importante anche un bel sorriso, perché questo è un mestiere basato sui rapporti umani. La dimestichezza che hanno con i loro smartphone devono imparare ad averla anche con le persone”.

    (a.c.)

     

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni