venerdì, 20 Maggio 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVicentinoVicenzaVicenza, rinasce la "Meneghina" di contrà Cavour: sarà una champagneria

    Vicenza, rinasce la “Meneghina” di contrà Cavour: sarà una champagneria

    Banner edizioni

    Nuova vita a Vicenza per la Meneghina, storico locale che fu visitato anche da Garibaldi

    L’esterno della Meneghina in contrà Cavour

    La storica “Meneghina” di contrà Cavour a Vicenza rinasce come champagneria. Lo annuncia la tendina abbassata sulle antiche vetrine che preannuncia l’imminente apertura del locale questo mese. E’ l’ennesima rinascita di un locale che, al di là delle buone intenzioni, non ha avuto fortuna nei numerosi gestori che ha avuto in vent’anni e passa. Questa volta è Alberto Tessari, responsabile commerciale dello “Studio promozioni” di Vicenza, a prendere il timone. Ha scelto una strada completamente diversa. Punta sullo champagne, quindi su una clientela di alto livello e su un locale specializzato che manca a Vicenza.

    Evidentemente sa quello che fa. Le imprese deve conoscerle e soprattutto deve saper fare bene i conti, visto che Tessari spiega così su Linkedin il suo lavoro: “Aiutare le aziende nella loro crescita individuando gli strumenti corretti di finanza e credito agevolato. Concretamente affianco imprenditori, manager e Cfo”.

    Alberto Tessari al timone della nuova gestione dello storico locale

    “Champagne for breakfast” è scritto sotto il nome del locale, nell’insegna di contrà Cavour. Il locale, ricordiamo, è insignito del titolo di “Bottega storica” ed era stato inserito assieme a Nardini sul ponte di Bassano, al ristorante Ottone sempre a Bassano e alla liquoreria Carlotto a Valdagno nell’associazione culturale locali storici d’Italia, visto che nasce come “offelleria”, cioé pasticceria, nel 1791.

    “Champagne for breakfast” è un riferimento da quasi un secolo al lusso e alla bella vita. Con questo titolo fu realizzato un film nel 1935 con la regia di Melville Brown e attori Mary Carlisle, Hardie Albright e Joan Marsh. Siamo nella Hollywood a cavallo tra il cinema muto e il sonoro. Ma “Champagne for breakfast” è un titolo poi ripreso negli ultimi 40 anni da libri, canzoni e perfino da un film a luci rosse del 1980.

    Alberto Tessari s’è rivolto a “Food color”, la società del cuoco Lorenzo Cogo, per avere una consulenza sul progetto. Cogo s’è limitato a questo: come lui stesso precisa, non ha responsabilità in cucina, a differenza di quello che succede con il ristorante “Dama” di Venezia dove firma anche il menu. Come si ricorderà, fino a settembre del 2020, Cogo ha gestito il Garibaldi che ha sede proprio di fronte alla “Meneghina”. Del resto, proprio Giuseppe Garibaldi visitò la Meneghina, che tra i suoi clienti illustri ebbe anche lo scrittore Guido Piovene.

    Garibaldi tenne un famoso discorso dalle logge della Basilica il 7 marzo 1867 prima delle elezioni (che il suo candidato avrebbe perso): in una lettera, poi, si complimentò per la qualità dei prodotti della “Meneghina”. Piovene era di casa nel locale, perché abitava lì vicino, in quello che era il palazzo di famiglia in corso Palladio in quell’immobile in cui ha lo studio anche Vajenti. A ricordarlo c’è ancora oggi una lapide. La leggenda vuole che Indro Montanelli, passando davanti, fermasse l’auto davanti al palazzo, scendere e fermarsi davanti alla lapide per commemorare l’amico e collega che lui portò al suo “Giornale” nel 1974.

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni