martedì, 16 Agosto 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeAppuntamentiA Padova Porta Aperta, arte e cultura a Porta San Giovanni

    A Padova Porta Aperta, arte e cultura a Porta San Giovanni

    Banner edizioni

    A Padova mesi di proposte in uno dei luoghi storici della città con Porta Aperta: da dieci anni la Porta Monumentale San Giovanni è diventata anche location d’eccezione di eventi

    Porta Aperta
    Porta Aperta

    Una delle porte storiche di Padova, per secoli punto di accesso alla città e luogo di passaggio, da dieci anni la Porta Monumentale San Giovanni è diventata anche location d’eccezione di eventi culturali, mostre, installazioni, laboratori, conferenze e molto altro, grazie al Progetto Porta Aperta, curato dall’Associazione Xearte.

    Una rassegna nata allo scopo di donare un valore aggiunto a Porta San Giovanni e di farla conoscere sia ai turisti, sia ai cittadini, Porta Aperta taglia quest’anno un importante traguardo e festeggia i suoi primi dieci anni. Un decennio in cui la splendida Porta realizzata dall’architetto, pittore e scenografo Giovanni Maira Falconetto ha fatto da cornice a eventi di vario genere riaffermando il proprio ruolo di luogo ricco di storia e d’arte e inserendosi nei percorsi di Padova Patrimonio Unesco.

    Nell’anno del suo decimo anniversario, Porta Aperta propone a cittadini e turisti un ricco calendario di appuntamenti a coprire le stagioni primaverile, estiva e autunnale. Inaugurata lo scorso marzo dalla mostra Ordine&Caos di Riccardo Passuello, la rassegna proseguirà fino alla fine di ottobre, con l’evento conclusivo (la mostra di pittura Genesi – percorso d’arte di Luigi Marano) in programma fra il 17 e il 30 ottobre 2022.

    Prima di arrivare all’evento conclusivo, Porta San Giovanni ospiterà numerose altre mostre. Il 15 giugno è stata inaugurata la mostra di pittura e scultura Linguaggi creativi a confronto, nella quale gli acquarelli di Mariarosa Beltrame Craighero dialogheranno con le sculture di Pierantonio Bellotto. La mostra, in programma fino al 29 giungo, sarà seguita dal primo al 14 luglio da Forma e Colore, esposizione delle opere di Tatiana Bartsova, artista laureata in arte e scultura e specializzata in lavorazione della ceramica, e Mairosl Colombara, diplomata in pittura presto l’Accademia i Belle Arti di Venezia e attiva soprattutto nei campi della pittura e dell’illustrazione.

    Sempre a luglio, dal 16 al 31, la rassegna si focalizzerà sulle opere di Ubellino Cecchinato con la retrospettiva Geografie interiori, dedicata al percorso pittorico dell’artista fra gli anni Sessanta e gli anni Novanta. Dopo una pausa nel mese di agosto, gli appuntamenti riprenderanno il primo settembre con la mostra di pittura Segni, di Giovanni Omodeo, Alessandro Punzo e Viviana Zorzato (fino al 15 del mese), seguita da Riflessi dell’anima di Maria Grazia Petrone, artista padovana con una predilezione per la raffigurazione del mondo femminile (dal 17 al 30 settembre). Prima dell’evento conclusivo, ancora spazio per la pittura con la mostra collettiva di pittura astratta Tempus Agendi (dal primo al 16 ottobre) a cura di Nicoletta Furlan. Verranno esposte opere di Teresa Bellini, Maria Furlan, Giovanni Galiazzo, Chiara Grigoletto, Paolo Schiavon, Linda Verani.

    Francesca Tessarollo

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le notizie più lette di Padova

    Banner edizioni