lunedì, 15 Agosto 2022

ASCOLTA L'ULTIMO NOTIZIARIO

More
    Banner edizioni
    HomeVenezianoChioggiaChioggia, sempre più green e sostenibile

    Chioggia, sempre più green e sostenibile

    Banner edizioni

    Transizione ecologica. Al via il recupero e rivitalizzazione di aree verdi nel territorio di Chioggia per renderla più sostenibile

    Municipio di Chioggia

    Chioggia sarà una città più “green” e sostenibile. La transizione ecologica di cui tanto si discute a livello nazionale interesserà anche il territorio clodiense; anche in virtù dell’approvazione statale di un progetto presentato il 12 aprile scorso che prevede un finanziamento di 5.227.656 euro per il recupero e la rivitalizzazione di aree verdi della città.

    L’intervento maggiore riguarda, infatti, un’area con estensione di circa 35.000 mq, situata nella zona centrale di Sottomarina, tra via del Boschetto, via Tirreno e via Perseo. Ma sono coinvolti altri 17.000 mq di aree verdi tra Isola Verde, Valli e Sant’Anna di Chioggia (in prossimità delle zone urbanizzate e lungo le arterie principali) e circa 15.000 mq di pertinenze delle scuole comunali, comprese le frazioni. I contenuti degli interventi sono stati concordati dai vari assessorati con il mondo del turismo, del Terzo settore e della scuola.

    Non può essere che soddisfatto il sindaco Mauro Armelao, che come promesso in campagna elettorale dichiara di volere prestare particolare attenzione ai cittadini che soffrono di specifiche forme di disagio.

    Abbiamo pensato anche ai più fragili – dichiara il primo cittadino – con spazi pensati e specificatamente attrezzati per persone che soffrono di varie malattie mentali e/o deficit cognitivi: dall’ Alzheimer alla demenza senile, dall’autismo alla sindrome di Down e per persone con disabilità fisiche. Per il prosieguo della progettualità sarà fondamentale continuare a coltivare il dialogo con le associazioni di volontariato, sportive e, ovviamente, con le scuole”.

    Parlare di sostenibilità significa anche ripensare la mobilità urbana che, soprattutto nei mesi estivi, appare un vero e proprio Tallone d’Achille da svariate Amministrazioni. Tradotto in altre parole: potenziare e ripensare le piste ciclabili cittadine.

    “Città molto più piccole della nostra hanno messo in campo soluzioni importanti da questo punto di vista – racconta Roberto Rossi di Energia Civica – siamo un po’ indietro. Abbiamo qualche pista ciclabile ma non interconnessa. C’è un turismo sempre più “massiccio” che arriva con biciclette e che si trova “spaesato”; soprattutto a Brondolo. Noi abbiamo presentato una proposta, un progetto di idee da mettere nero su bianco e formalizzare, per interconnettere tutto il territorio comunale. E’ stato fatto avere al Sindaco. Ricordiamoci che i progetti possono essere finanziati con il Pnrr. C ‘è bisogno di un nucleo operativo, professionale, che riesca a costruire in maniera organica e a presentare le richieste”.

    Luca Rapacciuolo

    Banner edizioni
    Banner edizioni
    Banner edizioni

    Le più lette

    Banner edizioni